Guida Michelin, trionfa Napoli: è la città più stellata d'Italia

La provincia partenopea conta ben 20 ristoranti stellati, prima del Paese. Bene anche la Campania, con 37 riconoscimenti seconda soltanto alla Lombardia

Castel dell'Ovo da un ristorante del lungomare

Napoli è la provincia più stellata d’Italia: la Guida Michelin le ha attribuito 20 ristoranti stellati, dei 37 della Campania che pure, nel Paese, risulta seconda soltanto alla Lombardia.

La celebre guida dà un'ulteriore dimostrazione di una tendenza oramai evidente, ovvero che il core business della ristorazione italiana si stia spostando sempre più a Sud, e che Napoli in particolare sia un'assoluta eccellenza del settore.

Nel dettaglio, il capoluogo partenopeo ed i suoi dintorni contano cinque chef che possono vantare due stelle, oltre che altri 15 cui ne è stata attribuita una. In Campania, numerose le conferme, come Don Alfonso a Sant’Agata dei due Golfi, La Torre del Saracino di Seiano, L’Olivo di Capri e i Quattro Passi di Nerano. Poi le sorprese: come il ristorante dei fratelli Sposito a Brusciano.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Montesanto, si apre una grossa voragine in via Ventaglieri: sgomberate alcune famiglie

  • Cronaca

    Violenta rissa a Ischia: cinque persone arrestate e una denunciata

  • Cronaca

    Ilaria Cucchi a Napoli per l'inaugurazione del murales a lei dedicato

  • Cronaca

    Boom di turisti a San Gregorio Armeno: "Serve una postazione fissa del 118"

I più letti della settimana

  • Un Posto al Sole, anticipazioni dal 19 al 23 novembre: matrimonio in arrivo?

  • Ragazzo ferito negli scontri, il padre risponde a Salvini: "Fiero di mio figlio"

  • Un Posto al Sole, anticipazioni dal 12 al 16 novembre 2018

  • "Sarà la più bella del mondo": svelati i dettagli della stazione metro Duomo

  • Metro Mergellina, si lancia contro un treno: muore sul colpo

  • Paura per Carmelo Zappulla, i familiari: "Ci hanno riferito che rischia la vita"

Torna su
NapoliToday è in caricamento