Crowdfunding per dipingere il reparto di trapiantologia pediatrica del Monaldi

Il progetto è di “Donare è vita” che ha contattato “Ospedali Dipinti” per decorare il Monaldi di Napoli

Un intero reparto ospedaliero si trasformerà in un grande e colorato acquario. È il progetto di “Donare è vita” che ha contattato “Ospedali Dipinti” per decorare il Monaldi di Napoli. I bimbi trapiantati di cuore, o in attesa di trapianto, potranno sentirsi dei piccoli esploratori dei fondali marini. “Decorare un reparto di un ospedale – spiegano gli organizzatori su GoFundMe – significa portare un messaggio di accoglienza, di supporto ai dottori che devono seguire il paziente e accompagnarlo per una terapia. Soprattutto vuol dire regalare sollievo ai pazienti che devono affrontare un percorso dove occorre coraggio e dignità”.

Il sogno di “Donare è Vita” adesso è quello di raccogliere fondi per poter regalare ai pazienti ricoverati dell'ospedale un ambiente colorato per alleviare e migliorare la lunga degenza in ospedale. Per questo hanno lanciato una campagna di crowdfunding all'indirizzo www.gofundme.com/coloriamoleparetidelmonaldi

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Pasquetta nel segno dell'inciviltà: ancora rifiuti sul Vesuvio

  • Incidenti stradali

    Scontro frontale tra due auto: tre feriti finiscono in ospedale

  • Notizie SSC Napoli

    Il Napoli spreca e perde in casa con l'Atalanta. Ancelotti: “Potevamo fare di più”

  • Cronaca

    Maltempo, il vento forte provoca danni

I più letti della settimana

  • Caterina Balivo posta una foto sul lungomare: insulti ai napoletani

  • Successo per Made in Sud: prolungato per altre tre puntate

  • "Potrei assumere subito 25 persone, ma non le trovo": l'appello dell'imprenditore napoletano

  • Allerta Meteo, parchi chiusi a Napoli nel giorno di Pasquetta

  • Napoli-Arsenal, dove vedere la partita: non ci sarà diretta in chiaro

  • Tragico schianto, muore una giovane ragazza napoletana

Torna su
NapoliToday è in caricamento