Un bollino di qualità per i B&B napoletani in regola

 

Il Comune di Napoli adotta il CIC, Codice identificativo Comunale, per affittacamere, bed&breakfast e case-vacanza del territorio cittadino. Gli spazi in regola coi requisiti richiesti potranno iscriversi all’albo comunale e ricevere l’apposito contrassegno che segnalerà ai turisti un’offerta regolare e di valore.

"Siamo interessati a regolamentare un fenomeno esploso in questi anni - afferma il vicesindaco Enrico Panini - e lo facciamo in assenza di interventi del legilsatore nazionale. Questo albo ha una doppia valenza: far emergere il buono che c'è e intervenire dove si annida l'evasione". 

Sulla stessa lunghezza d'onda il sindaco Luigi de Magistris: "Il turismo deve essere una ricchezza, senza massificazione o svuotamento dei centri storici. Non vogliamo speculazioni immobiliari che facciano lievitare i prezzi. Tra qualche settimana approveremo anche una delibera per incentivare chi investe su attività commerciali tipiche e tradizionali per frenare quelle attività seriali che nulla hanno a che fare col centro storico di Napoli". 

Potrebbe Interessarti

  • Tromba d'aria in spiaggia, panico tra i bagnanti: ci sono feriti|VIDEO

  • Temporale estivo su Napoli |VIDEO

  • Tromba d'aria in spiaggia, un testimone: "C'era il panico. Abbiamo visto una nuvola nera" |VIDEO

  • Ginevra, uccisa da suo padre: la disperazione della madre Agnese | VIDEO

Torna su
NapoliToday è in caricamento