“Zùcate ‘o franfellicco”, perché si dice così

L’espressione napoletana viene utilizzata per dire che sta succedendo qualcosa di piacevole o, al contrario, per fare riferimento ad una situazione andata a finire male

Perchè si dice “Zùcate ‘o franfellicco”? A spiegarcelo è il libro "Come se penza a NNapule. 2500 modi di dire napoletani", commentati da Raffaele Bracale e a cura di Amedeo Colella.

Letteralmente significa “succhiati il bastoncino di zucchero”. 'O franfellicco era quel bastoncino di zucchero tipico napoletano che si trovava in grandi quantità sulle bancarelle durante le feste patronali. Detto a mò di soddisfatto commento della gradevole situazione in cui si trovi qualcuno che, per essergli occorsi tutti favorevoli accadimenti, non gli resti che beatamente goderli gustandosi golosamente il franfellicco, sostantivo neutro che indica il gustoso bastoncino cilindrico di zucchero filato variamente insaporito, da leccare passeggiando. Talvolta però la locuzione è usata in senso antifrastico, cioè completamente opposto, e cioè quando si voglia dire a qualcuno: ti è andata male, ora non ti resta che succhiare il franfellicco, usato - in questa valenza - eufemisticamente in luogo di una parte anatomica maschile. In questa seconda valenza, più spesso, si adopera anche l’espressione “zucate ‘o limone” (succhiati il limone) con evidente riferimento al gusto acre dell’agrume che richiama la spiacevolezza della situazione andata male.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bollo auto: nuove modalità di pagamento e sconti. Le novità

  • Per i bambini campani picco di influenza: la raccomandazione dei pediatri

  • Giallo a Mergellina: donna trovata morta in casa in un lago di sangue

  • Boato in un appartamento, esplode bombola: ferito 30enne

  • Ora legale, lancette in avanti di un'ora: la data

  • Carabinieri in azione durante la promessa di matrimonio in Comune: tre arresti

Torna su
NapoliToday è in caricamento