Sbarca al cinema “Vinilici”, il docu-film che racconta la storia del vinile

“Con questo film volevamo portare alla luce tutte le sfumature di un oggetto iconico che possiede ‘realmente’ la musica”. L’intervista a uno degli autori Vincenzo Russo

Un film - il primo interamente italiano - su quel meraviglioso supporto che negli ultimi anni ha fatto ri-innamorare intenditori e non: il Vinile. “Vinilici” nasce da un'idea del napoletano Nicola Iuppariello, scrittore, insieme a Vincenzo Russo, della sceneggiatura del film. Nicola e Vincenzo, rispettivamente curatore e organizzatore del Discodays, si occupano, ormai da anni, di organizzare la famosa Fiera del disco e della musica, che da 21 edizioni riunisce a Napoli, presso il Palapartenope, tutti gli amanti del vinile. Il docu-film, plasmato dalla mano del regista Fulvio Iannucci (già autore di “Francesco da Buenos Aires” e “Caffè sospeso” in onda su Netflix), racconta, attraverso le parole di musicisti, autori, collezionisti, audiofili, venditori e appassionati, il meraviglioso mondo che si nasconde dietro il vinile. Un magico viaggio attraverso i luoghi del microsolco, dalla fase di creazione a quella di intrattenimento. Tra gli intervistati figurano grandi artisiti come Renzo Arbore, Claudio Coccoluto, Elio e le Storie Tese, Renato Marengo, Mogol, Giulio Cesare Ricci, Red Ronnie, Gianni Sibilla, Claudio Trotta, Lino Vairetti, Bruno Venturini, Carlo Verdone e tanti altri. Non si tratta di un documentario tecnico rivolto a un pubblico di soli intenditori, ma di una raccolta di testimonianze, unite tutte da un’unica passione, quella per il vinile. Non è un caso che questo meraviglioso progetto, che abbraccia l’intera cultura musicale italiana, parta proprio da Napoli, originaria capitale della musica e del disco: la prima casa discografica italiana, la Phonotype Records, è nata, infatti, a Napoli nel 1901. Il progetto è stato possibile anche, e soprattutto, grazie ai tantissimi sostenitori e appassionati che, partecipando alla campagna di crowdfunding, hanno contribuito alla realizzazione di “Vinilici”. Il docu-film è nelle sale dal 20 novembre, ma ha già riscosso i primi successi: è, infatti, in concorso alla IV Edizione del Filmmaker Day di Torino ed alla XVII Edizione del Rome Independent Film Festival.

NapoliToday ha intervistato uno degli autori, Vincenzo Russo, che ci ha raccontato delle varie tappe, dall'idea alle riprese, che hanno portato alla realizzazione di questo affascinante documentario, senza omettere qualche piccolo e divertente aneddoto. 

Vincenzo, come è nata l’idea di realizzare un documentario sul vinile?

“Il progetto nasce dall’incontro con Nicola Iuppariello, con il quale, da 7 anni, condivido l’organizzazione del DiscoDays/Fiera del Disco e della Musica, manifestazione che nel corso degli anni ha visto un numero crescente di giovani aderire. Ed è proprio per raccontare questa passione, che ormai accomuna tutte le età, che è nato il film”.

Perchè in Italia nessuno, prima di voi, aveva mai pensato di girare un documentario sul meraviglioso mondo che si nasconde dietro questo supporto?

“Il fenomeno “vinile” ha raggiunto numeri importanti solo negli ultimi anni, portandolo da oggetto da collezione a oggetto di “consumo culturale”. A onor del vero, nel 2011 uscì un documentario autobiografico di un regista-dj Torinese, Paolo Campana, con argomento la passione per il disco. In 7 anni le cose sono talmente cresciute con entusiasmo che abbiamo percepito l’esigenza raccontare questo fenomeno aggiungendo a collezionisti e appassionati, per la prima volta, il parere di musicisti, giornalisti, produttori, sociologi e ingegneri del suono”.

Il 2018 è il 13esimo anno con il segno più per la vendita di vinili. A cosa è dovuto questo ritorno di moda dei dischi in vinile?

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Le motivazioni sono molteplici, ed è proprio questo il “fil rouge” del docufilm: portare alla luce tutte le sfumature di un oggetto iconico che possiede “realmente” la musica”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Giovani in strada fino a tarda notte, da Napoli arriva una soluzione alternativa

  • Un Posto al Sole, sospese le repliche: "In arrivo le nuove puntate"

  • L’acqua ossigenata nella cura contro il Covid-19: lo studio napoletano

  • Post Coronavirus: le nuove tendenze del mercato immobiliare

  • Coronavirus, i dati a Napoli: nessun nuovo guarito ma tre casi e un decesso in più

  • Ritorno a scuola, De Luca incontra i pediatri: "Vaccinazione per i bambini e dpi nelle classi"

Torna su
NapoliToday è in caricamento