"Tutto è già vostro", alla Reggia di Caserta la mostra di Daniele Sigalot

L'inaugurazione il 16 giugno. La mostra, che resterà in esposizione fino al 16 luglio, è patrocinata dal MIBACT e ha ricevuto il Matronato della Fondazione Donnaregina per le arti contemporanee di Napoli

Mostra di Daniele Sigalot alla Reggia di Caserta

Venerdì 16 giugno 2017 a partire dalle 17,00 si inaugura la mostra di Daniele Sigalot "Tutto è già vostro", presso La Reggia  di Caserta, viale Dohuet 2/a. La mostra è patrocinata dal MIBACT, Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo,
e ha ricevuto il Matronato della Fondazione Donnaregina per le arti contemporanee di Napoli.

Si tratta dell’esposizione più grande mai realizzata dall’artista, che occuperà 7 sale delle Retrostanze del Settecento.
Le opere di Daniele Sigalot non si limitano a creare un semplice contrasto tra contemporaneità e passato, ma sono soprattutto il risultato di un lungo studio della Reggia di Caserta e della sua storia.

Il desiderio di Daniele è stato fin da subito quello di calarsi nella parte di un membro della corte della Reggia, e di integrare il suo lavoro all’interno di una narrazione ancora oggi stupefacente e rivoluzionaria, quella che ha reso così monumentale e prestigioso il Palazzo Reale casertano.

Il titolo della mostra, Tutto è già vostro, è un omaggio a Carlo III di Borbone: si tratta di una citazione proveniente dal Primo Tomo de Le Antichità di Ercolano Esposte, un’opera decisiva per la cultura dell’antico, nata dall’attività dell’Accademia Ercolanese, fondata proprio dall’illuminato sovrano.
Nella pagina iniziale del volume si possono infatti leggere le parole degli accademici Ercolanesi destinate al re: “Nell’offerire a Vostra Maestà il primo Tomo delle Antichità di Ercolano, e contorni, riguardante una picciola parte delle pitture, sentiamo il grande onore, che ci viene dalla vostra benignità. Tutto è già vostro quello che Vi portiamo”
(da: Le pitture antiche di Ercolano e contorni incise con qualche spiegazione. Tomo I, Napoli, Regia Stamperia, 1757)

Come gli accademici di Ercolano, Daniele Sigalot è consapevole che offrire qualcosa a un re, che possiede tutto, è un gesto coraggioso, ancora più audace è riuscire a stupirlo. E se la Maestà nel 1757 era una, oggi i visitatori della Reggia sono milioni, e forse stupirli è ancora più difficile, perché sono già immersi in un capolavoro di bellezza. L’artista dunque entra in punta di piedi, assorbe gli stimoli del palazzo: gli aeroplanini di carta (alluminio) che lo hanno reso noto non possono prescindere dal luogo in cui si trovano, e planano riproducendo il pavimento della vicina sala di Astrea.
I richiami alla Reggia sono numerosi, e si susseguono pressoché in ogni sala: nulla viene lasciato al caso, nonostante, l’approccio giocoso all’arte che contraddistingue da sempre lo stile Blue and Joy. Le opere di Sigalot saranno presenti anche sullo Scalone d’Onore e all’ingresso della Reggia, in questi lavori per la prima volta l’artista si è cimentato con l’acciaio.
La mostra si chiude con un’opera realizzata per durare 1000 anni, non un minuto di più, che accompagna e, allo stesso tempo sfida, l’eternità della Reggia.

La mostra è stata realizzata in collaborazione con la galleria Liquid art system (Capri, Positano, Istanbul, Londra) e con l’associazione culturale Visioni Future. 

Daniele Sigalot 
Daniele Sigalot  nasce a Roma nel 1976.  Si forma creativamente nel campo della pubblcità, dove lavora per 7 anni tra varie agenzie in Italia, Spagna e Gran Bretagna.  Nel 2007 lascia Saatchi&Saatchi Londra per dedicarsi a tempo pieno al progetto artistico denominato Blue & Joy, che fonda con Fabio La Fauci.  Il nome del progetto diviene per anni un vero e proprio pseudonimo del duo Sigalot/La Fauci che fino al 2013 continua una prolifica produzione a quattro mani.  
Alla fine del 2014 il duo si scioglie, e Daniele Sigalot prosegue la sua carriera solista concentrando i suoi lavori su grosse installazioni e su mosaici non convenzionali.
Il centro della sua ricerca ruota intorno all’ambiguità tra la percezione dei materiali utilizzati e la loro reale natura, facendo del contrasto una chiave di lettura di tutti i suoi lavori. 
Sigalot divide la sua produzione tra Berlino, dove da 10 anni è attivo il suo studio ribattezzato la Pizzeria, e gli Stati Uniti.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

INFORMAZIONI SULLA MOSTRA:
Reggia di Caserta, Retrostanze del Settecento
Inaugurazione: 16 giugno 2017 ore 17,00 
Dal 16 giugno al 16 luglio 2017 
Merc>Lun 8:30 - 19:30

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Giovani in strada fino a tarda notte, da Napoli arriva una soluzione alternativa

  • Un Posto al Sole, sospese le repliche: "In arrivo le nuove puntate"

  • L’acqua ossigenata nella cura contro il Covid-19: lo studio napoletano

  • Post Coronavirus: le nuove tendenze del mercato immobiliare

  • Coronavirus, i dati a Napoli: nessun nuovo guarito ma tre casi e un decesso in più

  • Ritorno a scuola, De Luca incontra i pediatri: "Vaccinazione per i bambini e dpi nelle classi"

Torna su
NapoliToday è in caricamento