Eduardo, una serie tv sulla sua vita: alla regia Mario Martone

Il progetto, internazionale, è di Publispei. Non sarà soltanto una biografia, ma uno spaccato dell'irripetibile stagione culturale della Napoli del Novecento

Verrà presto girata una serie televisiva su Eduardo De Filippo, con alla regia Mario Martone. Il progetto, internazionale, è di Publispei.

Per Martone è la prima produzione televisiva. Una nuova sfida, dopo le numerose esperienze a teatro e dopo pellicole del calibro di "Il giovane favoloso", "L'amore molesto", "Morte di un matematico napoletano" e – di recente, a teatro - il classico di Eduardo "Il sindaco del rione Sanità".

Il soggetto è stato elaborato dallo stesso Martone con Ippolita di Majo. Sullo sfondo la Napoli artistica del Novecento, in cui spiccavano Eduardo Scarpetta e la sua famiglia di padri del teatro, protagonisti assoluti della cultura italiana ed europea come i figli Eduardo, Peppino e Titina, oltre che il loro “fratello artistico” Antonio De Curtis, Totò.

La serie viene annunciata non come una semplice biografia, ma come un affresco del tempo, della famiglia, e della città in cui il loro mito nacque e resiste tutt'oggi.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Omicidio Stefania Fragliasso: fermate due persone

  • Attualità

    Via Toledo da record: è tra le 10 strade con più traffico pedonale in Europa

  • Cultura

    Premio Montale a Peppe Barra, il messaggio ai napoletani: "Amate di più questa città capitale"

  • Cronaca

    Forio, incendio in chiesa: l'intervento dei vigili del fuoco

I più letti della settimana

  • Tina Colombo non è più incinta: "Purtroppo ho perso il bambino"

  • Un Posto al Sole, anticipazioni dal 20 al 24 maggio

  • Si lancia dal ponte della tangenziale e muore a piazza Ottocalli

  • Incidente stradale in via Diocleziano: un morto e tre feriti

  • Un Posto al Sole, anticipazioni dal 27 al 31 maggio

  • Incidente stradale sull'Asse Mediano, distrutte tre automobili

Torna su
NapoliToday è in caricamento