San Gennaro Day: premio a Deborah De Luca, la dj che da Scampia ha conquistato il mondo

Parteciperà anche lei alla kermesse in programma stasera sul sagrato del Duomo di Napoli a partire dalle 20.30

Deborah De Luca

Tra i grandi protagonisti del San Gennaro Day, la festa che stasera si terrà sul sagrato del Duomo di Napoli dalle 20.30, ci sarà anche la nota dj Deborah De Luca.
Nata a Scampia, da anni Deborah gira il mondo e fa ballare ampie platee. “Sono molto legata a Napoli e quando da piccola sono stata costretta a lasciarla ci ho sofferto molto – ha spiegato al Mattino a la 37enne – E appena ne ho avuto la possibilità, sono tornata a viverci e vorrei morire qui”.

La dj ha spiegato che è stata più penalizzata dal fatto di essere una donna, nella sua carriera, che non dalle origini “umili”. “Per una donna è sempre difficile affermarsi, in ogni campo. Se sei bella, poi, non puoi essere anche brava, almeno questo è quello che pensa la gente – racconta – Invece, essere napoletana non mi ha mai creato problemi, anzi. Napoli è la culla della musica techno, qui sono nati tanti personaggi che ne hanno fatto la storia.”

Chi è Deborah De Luca, da Scampia a dj di fama mondiale

Su Scampia spiega: “Non è più quel posto violento che tutti immaginano. Io vado in giro di notte tranquillamente e non ho paura. Certo i problemi ci sono, ma è anche vero che lì la gente è lontana da quei comportamenti effimeri in voga oggi, legati ai social network, mentre sente molto forte il senso della famiglia”. Si dice orgogliosa di provenire da lì, e di voler dare l'esempio di come si possa “riuscire nella vita anche senza esser nati con la camicia”.

San Gennaro Day, la kermesse

Deborah De Luca, nel corso della kermesse di stasera, sarà premiata perché ha dimostrato “che chi nasce all'ombra del Vesuvio è anche altro rispetto ai soliti stereotipi e che si può conquistare il mondo a colpi di musica techno”. “È un premio molto importante – spiega – perché Napoli non è una città come le altre, ma è il fulcro di tante tradizioni: da quella musicale a quella culinaria e a tante altre. Questo è un riconoscimento che vale più di tanti altri”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Lutto nella famiglia di Made in Sud: "Era da sempre nostra prima sostenitrice"

  • Muore sulla tomba del figlio: tragedia nel cimitero

  • Scossa di terremoto nella notte: l'evento di magnitudo 2.8 nella zona flegrea

  • Nutella Biscuits introvabili? A Napoli arrivano i "Nicolini"

  • "Concorsone": gli elenchi degli ammessi nella categoria C

  • Terremoto, l'Osservatorio Vesuviano: "Il più forte dalla ripartenza del bradisismo nel 2006"

Torna su
NapoliToday è in caricamento