Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Liberazione, il racconto dell'ultimo partigiano: "Trentamila napoletani dissero 'no' ai tedeschi"

 

Gennaro Di Paola ha 95 anni. Anzi 95 e mezzo, come lui tiene a precisare. E i giorni della liberazione li ricora benissimo. Lui era uno dei trentamila napoletani che disertarono la chiamata tedesca e che il 25 aprile 1945 insorsero contro l'esercito nazifascista, liberando Napoli e il resto d'Italia. 

"Non eravamo soldati, eravamo giovani ribelli - racconta Gennaro ai microfoni di Napolitoday - ero rientrato a Napoli l'11 aprile. Furono trentamila i napoletani che risposero alla chiamata tedesca. Ci dissero che chi non aveva una giustificazione sarebbe stato fucilato. Noi ci siamo giustificati imbracciando i fucili. Erano tempi difficili, l'esercito italiano ci avev lasciati soli, molti generali rubavano solo lo stipendio. Sono molte le verità storiche di cui non si parla e che restano nascoste". 

Da allora, Gennaro non ha voluto più sapere di guerra: "Non ho più preso un fucile nemmeno al luna park. La guerra va evitata in ogni modo. Chi parla di guerra andrebbe rinchiuso". 

Potrebbe Interessarti

Torna su
NapoliToday è in caricamento