Museo Cappella Sansevero, anno da record: oltre 750mila visitatori

"Con i numeri del 2019, il Museo Cappella Sansevero si conferma ancora una volta il più visitato tra i musei e i complessi monumentali della città di Napoli", spiegano i gestori

Foto di Marco Ghidelli

Numeri straordinari per il 2019 del Museo Cappella Sansevero. In crescita i visitatori, oltre 750mila, per un trend che conferma il gioiello barocco leader tra i musei di Napoli con un incremento in sei anni del 303%,
"Con i numeri del 2019, il Museo Cappella Sansevero si conferma ancora una volta il più visitato tra i musei e i complessi monumentali della città di Napoli", spiegano dal Museo. Aumentata la media giornaliera di visitatori nel 2019: in ogni giorno di apertura, 2.393 persone sono venute ad ammirare il Cristo velato e le altre meraviglie della cappella barocca. Ed è proprio oer far fronte alla crescente richiesta che dallo scorso aprile l’orario di apertura è stato prolungato di un’ora e mezza per tutti i sabati (dalle 9.00 alle 20.30, ultimo ingresso consentito alle 20.00).

"Dimensioni contenute, dati straordinari"

“I dati registrati negli ultimi anni sono da considerarsi tanto più straordinari quando si pensi alle dimensioni contenute dello spazio espositivo e dell’area di attesa all’esterno – dichiara Fabrizio Masucci, direttore del Museo Cappella Sansevero – Il nostro impegno è dedicato ogni giorno a mantenere alta la qualità dell’esperienza di visita alla Cappella Sansevero. Nel 2019 siamo stati scelti tra le aziende della Campania insignite del Premio Industria Felix, che ha conferito l’Alta Onorificenza di Bilancio alla Museo Cappella Sansevero s.r.l. Un premio che ci rende particolarmente orgogliosi, perché tale riconoscimento ci è stato assegnato in quanto ‘miglior impresa del settore Cultura della regione’. Inoltre, siamo felici di poter dire che le unità del nostro personale sono cresciute di pari passo con il fatturato, fino ad arrivare alle ventuno attuali: l’algoritmo che ha selezionato le aziende da premiare, infatti, ha apprezzabilmente tenuto conto, tra gli altri fattori, anche della stabilità e dell’aumento del numero di dipendenti”.

Anche il servizio di prenotazione online proposto dal museo ha funzionato. Rispetto all’anno precedente, sono aumentati del 39% i visitatori che hanno acquistato i biglietti in rete (sono stati 157.898) e hanno scelto così la data e l’orario di visita, garantendosi l’accesso al Museo dalla fila rapida riservata ai prenotati. Crescita anche per le audioguide che prevedono un tour dedicato agli adulti e uno dedicato ai più giovani: nel 2019 sono stati noleggiati oltre 101.213 apparecchi, l’11% in più del 2018.

Museo virtuale e riconoscimenti

Ottima performance anche per il "museo virtuale". Da gennaio a dicembre 2019, infatti, il sito internet museosansevero.it ha registrato oltre 500mila utenti. Bene anche i canali social, Facebook con quasi 40mila fan, Instagram con 24,7mila followers.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Dal 2006 l’istituzione vanta numerosi riconoscimenti. Nel 2017 è stato inoltre inserito dal "Financial Times" nella classifica delle 1000 imprese europee con il maggior tasso di crescita di fatturato nel quadriennio 2012-2015, +85%.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nel napoletano la spiaggia del sesso tra scambisti, la denuncia: "Succede di tutto"

  • Ricetta delle graffe napoletane con impasto a base di patate

  • Piedi che puzzano? un bicchierino di Vodka e il cattivo odore va via

  • Tragedia in spiaggia: uomo muore dopo un malore improvviso

  • Sirt, la dieta che fa perdere peso e migliora la salute

  • Occupa una casa con i sei figli, l'appello di Antonio: "Non mandatemi via. Voglio pagare l'affitto"

Torna su
NapoliToday è in caricamento