Le mummie di cinque gatti egiziani in esposizione all'Orientale

Si tratta di cinque felini (quattro di specie libica, uno di specie nilotica) vissuti 2.300 anni fa. Il restauro è durato un anno. Saranno visitabili gratuitamente dalle 11 alle 14, giovedì e venerdì, presso il Museo Scerrato in via Chiatamone 62

È durato più di un anno il restauro delle cinque mummie di gatti egiziani ritrovate sotto una coltre di polvere in un magazzino della Società Africana Italiana. Nel 2014 le mummie - arrivate a Napoli negli anni '50 per il Museo Coloniale - sono state recuperate e studiate (sottoposte anche a tac e radiografie) da una equipe di egittologi dell'Università L'Orientale di Napoli, in particolare dalla dottoranda Maria Diletta Pubblico. Le mummie (quattro di specie libica, una di specie nilotica) risalgono a un periodo compreso tra il 390 avanti Cristo e il 170 avanti Cristo. La mummia più lunga misura 56 centimetri, la più corta 31 centimetri. 

 

Si parla di reperti preziosi: è questo l'unico gruppo di mummie di gatto presente in Italia. Di questo genere esistono solo venticinque esemplari nel mondo. Da giovedì saranno in esposizione nelle sale del Museo "Umberto Scerrato" dell'Orientale, nella sede di Palazzo du Mesnil, in via Chiatamone 62. Saranno visitabili ogni giovedì e venerdì, dalle 11 alle 14, gratuitamente, oppure su appuntamento (per informazioni: museorientale@unior.it). 
 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Riaprono spiagge libere e stabilimenti balneari: l'ordinanza della Regione Campania

  • "Non siamo imbuti, abbiamo perso la felicità. Annullate l'esame di maturità": lo sfogo di una studentessa

  • Morte Pasquale Apicella, la vedova: "In quella macchina sono morta anche io"

  • Covid, focolaio al Cardarelli. Gli infermieri insorgono: "Situazione desolante"

  • "Il virus sta perdendo forza. Possiamo guardare con ottimismo al futuro": l'intervista a Giulio Tarro

  • Agguato ad Acerra, ucciso un uomo a colpi d'arma da fuoco

Torna su
NapoliToday è in caricamento