Malattie e disabilità possono creare l'arte? Da Caravaggio ai malati del Presepe

Malattie e disabilità hanno rappresentato in molti casi l'origine e la spinta alla creatività di grandi artisti, come sostiene il dottor Giuseppe Clemente

Giuseppe Clemente al convegno Medico e l'arte (Foto NapoliToday)

Malattie e disabilità, contrariamente a quanto si pensa comunemente, hanno rappresentato in molti casi l’origine e la spinta alla creatività di grandi artisti.

Per Caravaggio, per il quale si può ipotizzare un ''disturbo di personalità borderline'' o come nel caso di Niccolò Paganini che, forse, non sarebbe mai arrivato a virtuosismi così elevati senza la Sindrome di Marfan o di Ehlers Danlos. Gli esempi citati da Giuseppe Clemente medico di medicina generale e cardiologo, nell'ambito del convegno “Il medico e l'arte”, sono molteplici. Goya, ad esempio che muta il suo modo di dipingere , inventandosi la “ pinturas negra” a causa del saturnismo (intossicazione da piombo) da cui era affetto o Monet e Degas, affetti da patologie oculari, che inevitabilmente modificano e modernizzano il loro modo di dipingere.

Ampio risalto è stato dato anche allo stretto rapporto tra creativita’ artistica e le malattie mentali, fondato su basi scientifiche , con esempi come Poe, Blake, Ligabue, Zinelli e ai i musicisti della musica pop degli anni 60-70, Pink Floyd, in particolare, influenzati nella loro produzione musicale dall’uso delle droghe. Al Museo delle Arti Sanitarie, nel complesso dell'ospedale 'Incurabili', esiste un vero e proprio presepe composto da una quarantina di pastori malati, affetti da diverse patologie, dal cieco allo zoppo, dall'appestato alla donna col gozzo. Pezzi unici, di rara bellezza, per rappresentare l'epidemiologia del Settecento con un intento anche scientifico.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Hanno partecipato al convegno, tenutoti presso L'istituto per gli Studi Filosofici di Napoli e promosso dall'Associazione nazionale medicina legale pubblica amministrazione (Anmelepa) e dalla Commissione medica di verifica Mef di Napoli, Luigi Lista e Giuseppe Guadagno, rispettivamente presidente e vicepresidente dell'associazione, il chirurgo Gennaro Rispoli, fondatore del Museo delle Arti Sanitarie.

MEDICO E L'ARTE, IL CASO CARAVAGGIO: VIDEO

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • De Luca: "Picco di contagi a inizio maggio. Stringiamo i denti o giugno e luglio chiusi in casa"

  • Coronavirus, tutti gli aggiornamenti del 5 aprile a Napoli e in provincia

  • Covid-19: lutto a Chiaia per la morte di Luciano Chiosi

  • Lettera ai figli dopo la morte: "Quando la leggerete non ci sarò più"

  • Coronavirus, morta una 48enne ricoverata al Loreto Mare

  • Scossa di terremoto nella notte: preoccupazione nell'area flegrea

Torna su
NapoliToday è in caricamento