Liberato è un detenuto del carcere di Nisida? La tesi spopola sul web

Secondo la teoria proposta dallo youtuber napoletano "Iutubber Diego", Liberato sarebbe un ragazzo detenuto nel carcere minorile di Nisida e farebbe parte di un progetto di recupero a tema musicale

Lo scorso 9 maggio oltre ventimila persone hanno invaso il lungomare di Mergellina per assistere al concerto di Liberato, il rapper senza volto che ha conquistato le nuove generazioni con le sue canzoni a metà strada tra il rap e il R&B. In molti speravano che il cantante svelasse finalmente la sua identità, ma anche questa volta si sono dovuti accontentare solo della sua musica. Le teorie sull'identità di Liberato continuano a moltiplicarsi in rete. L’ultima, divenuta virale in poche ore, è stata proposta dal famoso youtuber napoletano, Iutubber Diego. Secondo questa tesi, Liberato sarebbe un ragazzo del carcere minorile di Nisida e farebbe parte di un progetto di recupero a tema musicale. In effetti, tra le tante attività del carcere per il recupero dei detenuti ci sarebbe proprio un laboratorio musicale. 

Tanti sono gli indizi a sostegno di questa teoria che lo youtuber partenopeo ha raccolto in un video pubblicato sul suo canale. Dalla presenza di un'imbarcazione della polizia durante il suo ultimo live, alla sirena a manovella (un tempo usata per segnalare l'evasione di un detenuto da un carcere) che il rapper ha utilizzato più volte durante i suoi concerti, ai riferimenti nelle canzoni che rimandano continuamente al tema della prigionia.

Ecco il video..

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Lutto nella famiglia di Made in Sud: "Era da sempre nostra prima sostenitrice"

  • Muore sulla tomba del figlio: tragedia nel cimitero

  • Scossa di terremoto nella notte: l'evento di magnitudo 2.8 nella zona flegrea

  • Nutella Biscuits introvabili? A Napoli arrivano i "Nicolini"

  • "Concorsone": gli elenchi degli ammessi nella categoria C

  • Terremoto, l'Osservatorio Vesuviano: "Il più forte dalla ripartenza del bradisismo nel 2006"

Torna su
NapoliToday è in caricamento