Arriva a Napoli la "Giornata della disconnessione"

Il prossimo 21 marzo il Comune lancia l'invito a spegnere i dispositivi di connessione digitale e comunicare senza la mediazione della rete

L'appuntamento è per il prossimo 21 marzo: l'assessorato alla Cultura ed al Turismo del Comune di Napoli ha lanciato "La giornata della disconnessione".

L'invito, a cittadini partenopei e turisti, è di spegnere smartphone, tablet, computer, TV e tutti i dispositivi di connessione digitale. Insomma, comunicare ma dal vivo, senza mediazione di apparati tecnologici e soprattutto della rete. Tantissime, fin da subito, le adesioni da parte di luoghi della cultura che proprio quel giorno ospiteranno numerose ed interessanti manifestazioni: dal Teatro San Carlo al Museo Archeologico Nazionale, passando per Palazzo Zevallos, il Pan, Palazzo Reale, e tantissimi altri.

Tra le varie indicazioni per la "giornata della disconnessione", quella di andare in libreria, ascoltare musica, andare a teatro, al cinema, a ballare, a recitare poesie. Ma anche darsi a serenate, abbracci, baci, fare l'amore, stringersi la mano, fare girotondi, sfilate in costume.
Madrina della manifestazione è l'attrice Chiara Baffi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Amuchina, come farla in casa con la ricetta dell'Organizzazione Mondiale della Sanità

  • Bimbo ricoverato al Cotugno, test negativi: non è affetto da Coronavirus

  • Bimbo di tre anni ricoverato al Cotugno: non si tratta di Coronavirus

  • Feltri sul Coronavirus: "Invidio i napoletani hanno avuto solo il colera"

  • Coronavirus, Di Mauro: "No allarmismi. Il Cotugno è comunque preparato ad ogni evenienza"

  • Coronavirus, un malore dopo la maratona: test per due lombardi. Negativo uno stabiese

Torna su
NapoliToday è in caricamento