Detenute in cucina e cena di beneficenza, così finisce Malazè

Termina al carcere femminile di Pozzuoli la quinta edizione di Malazè 2010. Programmata una cena di beneficenza: “Notte Galeotta”

Si chiude la V edizione di “Malazè” l’evento che racchiude l'archeologia e l’enogastronomia dei Campi Flegrei. Il carcere femminile di Pozzuoli sarà il palcoscenico per l’ultima serata dell’iniziativa promossa da numerose associazioni e imprenditori locali. “Notte Galeotta”, questo il titolo dell’ultima serata, questa volta di beneficenza, che degusterà gli utenti con la cucina delle detenute e la supervisione di sette chef dei Campi Flegrei. Il ricavato andrà in beneficenza all’associazione “Il carcere possibile”, che persegue il fine della solidarietà sociale, civile e culturale nei confronti della popolazione detenuta. Tra gli scopi dell'Associazione vi è quello di
tutelare in ogni sede, anche giudiziaria, i diritti dei detenuti e di promuovere azioni, anche legali, in difesa di tali diritti, per pretenderne il rispetto ed eventuali danni causati alla comunità detenuta. L'associazione organizza corsi di cucina, laboratori teatrali, laboratori di lettura, concerti
ed altri eventi culturali all'interno del carcere.  La "Cena Galeotta" si svolgerà martedì 14 (ore 20,30) all'interno della Casa Circondariale Femminile di Pozzuoli. A cucinare saranno le stesse detenute che hanno svolto corsi di cucina. L'evento è stato realizzato grazie alla collaborazione del Tribunale di Sorveglianza di Napoli, del Provveditorato Regionale dell'Amministrazione
Penitenziaria di Napoli, della direzione, degli educatori e della Polizia Penitenziaria della Casa Circondariale di Pozzuoli, della sezione di Napoli dei Lions, del Consorzio Tutela Vini dei Campi Flegrei, delle Strade del Vino dei campi Flegrei e dell'Ais di Napoli.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Amuchina, come farla in casa con la ricetta dell'Organizzazione Mondiale della Sanità

  • Bimbo ricoverato al Cotugno, test negativi: non è affetto da Coronavirus

  • Bimbo di tre anni ricoverato al Cotugno: non si tratta di Coronavirus

  • Feltri sul Coronavirus: "Invidio i napoletani hanno avuto solo il colera"

  • Coronavirus, Di Mauro: "No allarmismi. Il Cotugno è comunque preparato ad ogni evenienza"

  • Aglio in cucina: tutti gli errori che non sai di commettere

Torna su
NapoliToday è in caricamento