Il desiderio di Elodie: "Un giorno canterò in napoletano"

Fan di Pino Daniele ("Ho pianto quando seppi della scomparsa..."), nel suo ultimo disco ha collaborato con Ghemon e i Kolors

Elodie a Sanremo (Ansa)

La collaborazione con The Kolors, la prossima presentazione alla Feltrinelli di piazza Garibaldi del suo disco, la voglia di cantare in napoletano. Romana, Elodie è legatissima alla città di Napoli e mostra chiaramente di esserne innamorata.

Stiamo parlando dell'interprete del momento. Messi da parte i capelli rosa e la partecipazione ad Amici di Maria De Filippi che l'ha fatta conoscere al grande pubblico, a Sanremo con la sua Andromeda ha letteralmente spopolato.

Venerdì alle 16 sarà a piazza Garibaldi, alla Feltrinelli, a presentare il nuovo disco "This is Elodie", all'interno anche i campani Ghemon e The Kolors.

"Ghemon ha aggiunto la sua delicatezza - ha spiegato la cantante al Corriere del Mezzogiorno - Lui è un vero outsider. E avere al proprio fianco un artista particolare è un valore aggiunto a prescindere. Mi ha arricchito tantissimo anche negli ascolti, consigliandomi tantissima buona musica. Con Stash invece c’è un rapporto di amicizia fortissimo. Ho ascoltato il brano cantato prima da lui e in seguito ha registrato egli stesso le voci. Tra noi c’è una sinergia canora pazzesca".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Ma è il rapporto con la musica napoletana in generale ad essere forte. "Amo più di tutti Pino Daniele - ha proseguito intervistata dal Cormez - Ho pianto quando ho saputo della sua scomparsa. Di solito non mi emoziono molto, ma quando è andato via lui è come se fosse morto uno della mia famiglia. Adoro anche la nuova scena artistica napoletana, soprattutto La Niña e Liberato. Mi piacerebbe cantare nel vostro dialetto. Magari un giorno canterò una canzone in napoletano, chissà".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • De Luca: "Picco di contagi a inizio maggio. Stringiamo i denti o giugno e luglio chiusi in casa"

  • Coronavirus, tutti gli aggiornamenti del 5 aprile a Napoli e in provincia

  • Lettera ai figli dopo la morte: "Quando la leggerete non ci sarò più"

  • Scossa di terremoto nella notte: preoccupazione nell'area flegrea

  • Igiene orale e difese immunitarie: qual è la connessione?

  • Coronavirus, il bel gesto del portiere napoletano Sepe: non chiede gli affitti ai suoi inquilini

Torna su
NapoliToday è in caricamento