La “Zingara”: storia e ricetta del crostone ischitano

Gli inventori del famoso panino dell'isola verde sono due fratelli ischitani, proprietari dal 1977 della paninoteca di Ischia Ponte “La Virgola”

Tra le tantissime meraviglie che l’isola di Ischia offre, c’è una bontà culinaria tanto amata dagli isolani quanto dai turisti: la famosa “Zingara”. Due fette di pane cafone farcite con pomodoro, fior di latte, prosciutto crudo, insalata, maionese, sale e basilico. Un piatto semplice, fresco, ideale per placare la fame in una torrida giornata estiva. Ma da dove proviene questo nome così bizzarro? Per rispondere alla domanada dobbiamo tornare indietro nel tempo, precisamente all’estate del 1977, quando due giovani ischitani, i fratelli Trani, decisero di aprire un pub-paninoteca nella splendida cornice di Ischia Ponte: “La Virgola”. In poco tempo il pub divenne uno dei più famosi dell’isola grazie alla bontà dei panini che i proprietari sfornavano a ritmo crescente e lavorando fino all’alba. Gli isolani arrivavano da tutte le parti dell’isola per gustare il famoso panino de "La Virgola". Il segreto del loro successo fu la scelta delle materie prime (tutti prodotti isolani) e, in particolare, del pane “cafone” di Boccia, lo storico panificio che si trovava, e si trova tutt'oggi, a poche centinaia di metri dal Pub.

Tra un panino e l’altro, saltò fuori l’idea della “Zingara”: in un primo momento il crostone venne farcito con pomodoro, fior di latte, prosciutto crudo, maionese, sale e basilico. La lattuga arrivò, invece, solo successivamente, come pure successiva fu la possibilità di alternare il panino alle fette di pane. Ma mancava ancora qualcosa: come chiamare questa bontà? E qui sta l’altro colpo di genio che decretò la fortuna di questo panino: il nome "Zingara" fu l’intuizione che rese il crostone famoso e simbolo dell'Isola di Ischia. Ancora oggi questo gustoso panino rimane il pezzo forte dei pub e ristoranti dell’isola, che continuano a tostare fette di pane e farcirle con gli ingredienti tipici locali.

Ecco la ricetta della "Zingara" ischitana...

Ingredienti per una porzione:

  • 2 fette di pane cafone
  • 100 g di fior di latte (o mozzarella)
  • 1 pomodoro da insalata
  • 3/4 fette di prosciutto crudo
  • qualche foglia di insalata
  • maionese
  • sale
  • basilico

Procedimento:

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Affettate il pane e sulle due fette spalmate un velo di maionese, aggiungete prima il fior di latte a fette, poi una fetta di pomodoro all’insalata, le foglie di lattuga, le fette di prosciutto crudo, e infine un pizzico di sale. Chiudete le due fette e poi piastratele per un paio di minuti sulla griglia in modo che si abbrustoliscano ben bene. Aggiungete le foglie di basilico e.. buon appetito!

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Muore commerciante di Salvator Rosa, la cognata: "Non hanno voluto farle il tampone"

  • Morte lavoratore Anm, tra un anno sarebbe andato in pensione: positivo dopo un viaggio al nord

  • Coronavirus, salgono a 1309 i contagiati in Campania

  • Lapo Elkann promette aiuti a Napoli: “Non posso dimenticare le mie origini”

  • "Se ne va uno stimato professionista": San Giorgio piange il quarto decesso per Coronavirus

  • Napoli senza smog con il lockdown: l'aria pulita riduce anche la potenza del Coronavirus

Torna su
NapoliToday è in caricamento