Alici ripiene, la ricetta napoletana

Uno secondo piatto sfizioso, che unisce i sapori di mare e di terra

Un secondo piatto gustoso che unisce i sapori di mare e di terra. Le alici ripiene o ‘mbuttunate, come vengono chiamate a Napoli, sono una pietanza a base di alici farcite con provola e ricoperte da una croccante panatura. Sono tipiche della Costiera Amalfitana ed in particolare di Cetara, un piccolo borgo di marinai famoso per la pesca del pesce azzurro, pesce ricco di vitamine, sali minerali e Omega 3, importanti per la prevenzione e il trattamento delle patologie cardiovascolari. Le alici ripiene sono, quindi, un piatto gustoso ma anche leggero e genuino. Prepararle è molto semplice e voloce. Vediamo quali sono i passaggi e gli ingredienti necessari.

Ingredienti per 4 persone:

  • 400 gr di alici
  • 1 ciuffo di basilico
  • 1 l di acqua minerale gassata ghiacciata
  • 150 gr di provola
  • 500 gr di pangrattato
  • 1 limone
  • sale
  • pepe

Per la pastella:

  • 200 ml di acqua
  • 200 gr di farina 00
  • 1 pizzico di sale
  • 2 tuorli

Per friggere:

  • 1 l di olio di semi di arachidi

Procedimento:

Pulite, decapitate, eviscerate e deliscate le alici lavandole infine con acqua minerale fredda. Asciugatele con uno straccio da cucina tamponandole leggermente. Tagliate a listarelle la provola e sfogliate il basilico. Su un tavolo da lavoro pulito stendete le alici con la parte della pelle poggiata sul banco, conditele con sale e pepe e su di ognuna adagiate una foglia di basilico e una fettina di provola. Spolverate con una grattugiata di buccia di limone. Unite le alici a due a due lasciando la pelle sui lati esterni. Pressatele leggermente e sistematele nel freezer per 20 minuti. Questa operazione farà in modo che le alici restino unite durante la panatura. In una ciotola mescolate acqua, farina, sale e tuorli e amalgamateli con una frusta fino a ottenere una pastella omogenea. Pastellate le alici e passatele nel pangrattato prima di friggere in olio preriscaldato a 160° fino a doratura. Scolatele dall’olio, salatele e pepatele a piacere prima di servire.

Fonte della ricetta: “La cucina napoletana” di Eduardo Estatico e Gerardo Gagliardi

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Prove d'evacuazione dei Campi Flegrei, un milione di telefoni squilleranno in contemporanea

  • Allerta meteo su Napoli, parchi cittadini chiusi il 16 ottobre

  • Eruzione Campi Flegrei, simulata l'evacuazione anche a Napoli

  • Volo Napoli-Torino, atterraggio d'emergenza a Genova

  • Temporali in arrivo su Napoli e Campania: allerta meteo della Protezione Civile

  • La migliore pizza fritta del mondo è di Melito: per celebrare il titolo pizze gratis per tutti

Torna su
NapoliToday è in caricamento