Voti alle elezioni venduti in cambio di soldi o cibo: 14 misure cautelari

Scoperto un sodalizio criminale attivo a Torre del Greco che, in occasione delle elezioni amministrative 2018, aveva acquistato voti in cambio di somme tra i 20 e i 35 euro, o di generi alimentari

I Carabinieri della Compagnia di Torre del Greco hanno dato esecuzione a 14 misure cautelari, emesse dal GIP di Torre Annunziata, a carico di altrettanti indagati ritenuti responsabili a vario titolo di associazione per delinquere finalizzata al voto di scambio elettorale, voto di scambio elettorale, attentati contro i diritti politici del cittadino, rivelazione e utilizzazione di segreti di ufficio, favoreggiamento, detenzione illegale di armi da sparo comuni e da guerra.

Nel corso di indagini coordinate dalla Procura di Torre Annunziata, i militari dell’Arma hanno scoperto l’esistenza di un sodalizio criminale attivo a Torre del Greco che, in occasione delle Elezioni Amministrative del 2018, aveva acquistato voti in cambio di somme tra i 20 e i 35 euro, o di generi alimentari, o promettendo posti di lavoro previsti da un progetto regionale.

Accertata la responsabilità di un candidato poi eletto consigliere comunale nell’assunzione a tempo determinato di 5 persone presso la ditta appaltatrice del servizio di nettezza urbana cui era seguita la promessa di assunzione per sempre in cambio del voto loro e dei familiari. Un altro candidato, poi eletto consigliere, dovrà invece rispondere di favoreggiamento e di rivelazione di segreto di ufficio, poichè avrebbe informato di un imminente controllo delle forze dell’Ordine alcuni soggetti intenti alla compravendita dei voti davanti a un seggio elettorale.

Indagini

Fanno parte di gruppi della maggioranza che sostiene il sindaco Giovanni Palomba, i due consiglieri comunali coinvolti nell'inchiesta. Si tratta di Ciro Piccirillo e Stefano Abilitato, rispettivamente eletti con le liste civiche "La svolta per Torre" e "Il cittadino".
Per Piccirillo è scattato il divieto di dimora, mentre Abilitato si trova ai domiciliari. Il primo - poliziotto - avrebbe rivelato l’inchiesta agli indagati, il secondo avrebbe partecipato alla gestione di alcune assunzioni a pochi giorni dalle elezioni.

Attendere un istante: stiamo caricando il video...
Attendere un istante: stiamo caricando il video...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Licenziati Fiat sul campanile: "Ci hanno preso in giro"

  • Cronaca

    Rapinato e picchiato a casa sua, paura per un commerciante di Poggiomarino

  • Cronaca

    Sorpassa i Falchi, scatta l'inseguimento sul corso Garibaldi

  • Cronaca

    In fiamme la vela verde di Scampìa | VIDEO

I più letti della settimana

  • Successo per Made in Sud: prolungato per altre tre puntate

  • Test di gravidanza positivo per un 64enne napoletano: l'allarmante vicenda

  • Compra 4 biglietti Napoli-Milano e cambia più volte data e ora: alla partenza del treno trova la Polizia

  • "Potrei assumere subito 25 persone, ma non le trovo": l'appello dell'imprenditore napoletano

  • Napoli-Arsenal, dove vedere la partita: non ci sarà diretta in chiaro

  • Piazza Garibaldi, ragazza urla all'uscita della Metropolitana: arriva la Polizia

Torna su
NapoliToday è in caricamento