Volevano incendiare un palazzo a Chaia, un arresto ed una denuncia

Un 39enne è stato arrestato ed una 39enne denunciata

A Chiaia c'è stato un arresto ed una denuncia: avrebbero tentato di dare fuoco ad uno stabile.
Ieri sera la Polizia del Commissariato San Ferdinando ha arrestato un 39enne. È accusato dei reati di resistenza, oltraggio e minacce a pubblico ufficiale, ed incendio doloso. Denunciata in stato di libertà la compagna,  39enne, per resistenza ed oltraggio a pubblico ufficiale e danneggiamento dei beni dell’amministrazione della Polizia di Stato.


Gli agenti, durante un servizio di controllo del territorio volto alla prevenzione dei reati,  sono intervenuti nel tardo pomeriggio in vico Egiziaca a Pizzofalcone per la segnalazione di persona che minacciava di dare fuoco ad uno stabile.


Giunti sul posto i poliziotti hanno constatato la presenza di materiale incenerito nell’atrio del palazzo ed un acre odore di fumo; l’uomo, barricato all’interno della propria abitazione si è rifiutato di aprire la porta appiccando fuoco anche all’interno dell’appartamento. Gli agenti hanno prontamente contattato i vigili del Fuoco, mentre sul posto è arrivata anche un’altra pattuglia del Commissariato.

Dopo una lunga opera di mediazione, i poliziotti sono riusciti a guadagnarsi l’accesso dell’appartamento, dove sono stati però aggrediti dall’uomo, armato di un coccio di vetro appuntito che ha cercato anche di autolesionarsi, e dalla donna che si era nascosta all’interno di un armadio brandendo una bottiglia di vetro come un'arma.


I due sono stati bloccati nonostante la ferrea resistenza, danneggiando l’autovettura di servizio durante il trasporto, ed alcuni arredi una volti giunti in Ufficio.


L’uomo è stato arrestato ed è stato accompagnato presso la Casa Circondariale di Poggioreale.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Maximall Pompeii: 200.000 mq di attività turistico-commerciali per 1.500 posti di lavoro

  • Virus dalla Cina, intervista al virologo: "Allarme ingiustificato. Fa più paura l'influenza"

  • Coronavirus cinese: le istruzioni del Ministero della Salute

  • Allarme Coronavirus: i medici napoletani chiamati all'aeroporto di Fiumicino

  • Droga e bombe nascoste nel magazzino: arrestato 26enne napoletano

  • "Non voglio andare al Loreto Mare, portatemi al Cardarelli": paziente prende a testate l'autista del 118

Torna su
NapoliToday è in caricamento