Non può avvicinarsi alla moglie, entra in casa a martellate

In manette un pregiudicato di 41 anni. Ha colpito la donna con una testata al volto e ha danneggiato anche l'ambulanza

Non poteva nemmeno avvicinarsi a lei. Già gli era stato vietato di stare nei posti frequentati da sua moglie per i maltrattamenti che le aveva riservato in passato. Invece si è presentato fuori la sua abitazione e quando lei si è rifiutato di aprirgli è entrato rompendo la porta a martellate. È successo a Boscoreale dove un 41enne pregiudicato è stato arrestato dai carabinieri della compagnia di Torre Annunziata con l'accusa di maltrattamenti in famiglia, lesioni personali e danneggiamento aggravato.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L'uomo si è presentato fuori l'appartamento della donna con la scusa di volerle parlare. La donna non gli ha aperto allora ha buttato giù la porta a martellate e poi l'ha aggredita. L'ha colpita con una testata al volto prima che la vittima riuscisse a chiamare il 118 per farsi soccorrere. I medici appena arrivati si sono resi conto della situazione e hanno chiamato i carabinieri. L'uomo allora è andato su tutte le furie e ha cominciato a prendere a martellate anche l'ambulanza. Solo l'intervento dei militari ha potuto evitare il peggio. I carabinieri l'hanno arrestato e portato in carcere mentre la donna è stata soccorsa dai sanitari.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • De Luca: "Picco di contagi a inizio maggio. Stringiamo i denti o giugno e luglio chiusi in casa"

  • Coronavirus, tutti gli aggiornamenti del 5 aprile a Napoli e in provincia

  • Lettera ai figli dopo la morte: "Quando la leggerete non ci sarò più"

  • Scossa di terremoto nella notte: preoccupazione nell'area flegrea

  • Igiene orale e difese immunitarie: qual è la connessione?

  • Coronavirus, il bel gesto del portiere napoletano Sepe: non chiede gli affitti ai suoi inquilini

Torna su
NapoliToday è in caricamento