Video hard su WhatsApp, l'appello disperato di una ragazza: "Cancellatelo vi prego"

Trentuno anni, di Massa Lubrense, ha raccontato di averlo girato in un periodo in cui era "letteralmente impazziata a causa di circostanze poco piacevoli"

Si è sfogata in post Facebook, con un appello: "Cancellate quel video, qualora dovesse arrivare sul vostro cellulare, e chiedete di fare altrettanto ai vostri conoscenti". La protagonista è una ragazza di Massa Lubrense, protagonista dell'ennesimo video hard finito in rete.

Nel suo post, la 31enne racconta di aver accettato di girare il video e di averlo poi condiviso ad una ristretta cerchia di persone. Era in un periodo particolare: "Quando si è verificato questo episodio – racconta – ero letteralmente impazzita a causa di varie circostanze poco piacevoli che mi erano accadute Così ho condiviso quelle immagini con alcuni che a loro volta le hanno diffuse".

Ricatti hard: "Un profilo fake mi ha rovinato la vita"

Le immagini si sono diffuse, come purtroppo è già accaduto in passato anche con conseguenze tragiche (la memoria va al dramma di Tiziana Cantone), a macchia d'olio. L'appello della ragazza è volto a preservare la propria reputazione e quella della sua famiglia: "Sono una brava ragazza e una grandissima lavoratrice, vengo da una famiglia di persone che si sono fatte da sole e non voglio che siano infangate a causa della mia debolezza". "Cancellate quelle immagini – è la conclusione del suo post – Ai colpevoli ci penserà la magistratura".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Choc allo stadio di Marano: 22enne trovata morta, 23enne in fin di vita

  • Ruba lo zaino ad un ragazzo mentre mangia un panino: arrestato

  • L'Amica Geniale, anticipazioni quinto e sesto episodio 24 febbraio 2020

  • Coronavirus, Benitez: "Mai visto niente di simile. Misuriamo la febbre due volte al giorno"

  • L'Amica Geniale 2, le anticipazioni sugli episodi 3 e 4

  • Coronavirus, è epidemia sulla Diamond Princess: tornano a casa i campani a bordo

Torna su
NapoliToday è in caricamento