Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Vedova con tre figli sfrattata: "Ho un bambino malato di leucemia"

 

Credeva di aver realizzato in sogno di tutte le famiglie, quello di comprare una casa. Un sogno sfumato quando, sette anni fa, il marito è morto. Da allora, Nunzia Vitolo è rimasta sola con tre figli piccoli e non è più riuscita a pagare il mutuo. Uno dei suoi bambini è malato di leucemia, diagnosticata quattro anni fa, e periodicamente si sottopone a trapianti di midollo. 

Sul capo di Nunzia e dei figli pende uno sfratto esecutivo. "Dopo la morte di mio marito - racconta Nunzia - non sono riuscita a pagare le rate della casa. Così, la banca l'ha pignorata e messa all'asta. Nei mesi scorsi è stata acquistata e a me è arrivato lo sfratto". La donna parla pochi minuti dopo l'arrivo del custode giudiziario: "Abbiamo ottenuto una proroga di due mesi, ma il 5 marzo ci è stato detto che verranno le forze dell'ordine".

L'abitazione è in vico dei Monti, tra Montesanto e il corso Vittorio Emanuele. Misura oltre cento metri quadrati, ma è fatiscente. "Quando compri una casa - prosegue Nunzia - ti senti al sicuro, pensi che, qualunque cosa accada, non finire in mezzo a una strada. Invece, rischiamo proprio questo". Il suo primo pensiero è per il figlio malato: "In questo momento sta bene, ma deve curarsi per altri dieci anni. Era in condizioni molto gravi e il prossimo trapianto di midollo è fissato per il 22 marzo, due settimane dopo lo sfratto". 

La mamma dei tre ragazzi ha bussato a tutte le porte: Comune, associazioni, Chiesa. Non ha ricevuto alcuna risposta: "Mi hanno detto tutti di non potermi aiutare. Io vorrei solo una casa dove poter far crescere i miei figli". La proroga è stata ottenuta anche grazie all'intervento del Comitato per il diritto alla casa: "Sull'emergenza abitativa, le politiche del Comune sono molto in ritardo. Ci sono 17mila persone in attesa di un alloggio popolare e la Regione non ha intenzione di investire soldi nell'edilizia pubblica. Nunzia vive una situazione grave, considerando anche le condizioni del figlio. Le istituzioni devono intervenire e dare una risposta".  

Potrebbe Interessarti

Torna su
NapoliToday è in caricamento