Universiadi, indagini sull'utilizzo delle navi e sui trasporti

Al momento non risultano configurate ipotesi di reato

La Procura di Napoli sta indagando su alcuni atti amministrativi e affidamenti durante le Universiadi di Napoli tenutesi dal 2 al 14 luglio. I pm della sezione Reati contro la pubblica amministrazione Henry John Woodcock e Francesco Raffaele hanno puntato la loro attenzione sulla scelta di ospitare gli atleti sue due navi da crociera ormeggiate nel porto di Napoli e sul servizio di trasporto degli atleti, dello staff e degli accreditati gestito attraverso taxi, vetture a noleggio e minivan tra i villaggi degli atleti e le sedi di gara.

A tal proposito i pm hanno chiesto all'Aru (Agenzia regionale Universiadi) degli atti riguardanti alcuni dei passaggi amministrativi e degli affidamenti durante le Universiadi. Al momento non risultano configurate ipotesi di reato.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il chiarimento

"Al momento nessuno della struttura è stato convocato dai magistrati. C'era problema di concentrare 8mila atleti in un unico posto con grosse difficoltà tempistiche", spiega Basile commissario delle Universiadi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Giovani in strada fino a tarda notte, da Napoli arriva una soluzione alternativa

  • Un Posto al Sole, sospese le repliche: "In arrivo le nuove puntate"

  • L’acqua ossigenata nella cura contro il Covid-19: lo studio napoletano

  • Ritorno a scuola, De Luca incontra i pediatri: "Vaccinazione per i bambini e dpi nelle classi"

  • Mobilità tra regioni, confermata la data del 3 giugno: in Campania si potrà arrivare da tutta Italia

  • Coronavirus, nuovo positivo a Napoli: i dati dell'Asl

Torna su
NapoliToday è in caricamento