Turisti russi scippati a Napoli, l'appello: "In quella borsa c'era tutta la nostra vita"

L'appello lanciato a NapoliToday da Svetlana, a Napoli con i suoi genitori:"Siamo disperati. Restituiteci almeno i passaporti e i biglietti aerei"

Svetlana

Doveva essere un Capodanno da ricordare, di quelli che non si dimenticano, per Svetlana Tokarevskikh, suo padre e sua madre, che avevano deciso di trascorrerlo a Napoli. Ma dopo poche ore dal loro arrivo, i tre turisti russi, residenti a San Pietroburgo, sono stati scippati.

E' proprio Svetlana a raccontarlo a NapoliToday: "Oggi siamo arrivati a Napoli. Eravamo in una delle strade vicine alla stazione di piazza Garibaldi, quando qualcuno si è avvicinato a mia madre, rubandole la borsa. Al suo interno c'era tutta la nostra vita: i passaporti russi, i soldi, le chiavi della nostra casa in Russia, i biglieti per l'aereo, carta di credito e il telefonino del mia madre. Mia madre sta molto male. Siamo a Napoli senza nulla e non sappiamo cosa fare. Abbiamo trascorso tutta il tempo con le forze dell'ordine per denunciare l'accaduto. Aiutateci per favore. Speriamo almeno di recuperare i nostri documenti". 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

svetlana 2-2-3

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Muore commerciante di Salvator Rosa, la cognata: "Non hanno voluto farle il tampone"

  • "Se ne va uno stimato professionista": San Giorgio piange il quarto decesso per Coronavirus

  • Lapo Elkann promette aiuti a Napoli: “Non posso dimenticare le mie origini”

  • Napoli senza smog con il lockdown: l'aria pulita riduce anche la potenza del Coronavirus

  • Pepe Reina: "Ho avuto il Coronavirus. E' come essere travolti da un camion"

  • Lutto in Prefettura, muore 65enne nel giorno del suo compleanno

Torna su
NapoliToday è in caricamento