La truffa del pacco esportata in Abruzzo: all'interno del costoso involucro solo crackers

Due napoletani, 23 e 36 anni, sono stati arrestati a Chieti per truffa. I due si spacciavano per nipoti delle vittime, chiedevano di ritirare e pagare una consegna. All'interno salatini

Due napoletani di 23 e 36 anni sono stati arrestati a Chieti per truffa. I due avevano raggiunto l'Abruzzo e avevano messo a segno, ad aprile, due colpi nella stessa giornata, a Chieti e a Lanciano. Nel primo caso avevano intercettato un 92enne teatino, a cui uno di loro aveva chiesto telefonicamente - spacciandosi per un nipote - di ritirare un pacco e saldare il conto. L'anziano è stato addirittura accompagnato in banca per prelevare e pagare il presunto corriere. 

Leggi la notizia su ChietiToday

Pochi minuti dopo, a Lanciano, lo stesso copione si è ripetuto con una donna di 79 anni. All'interno dei pacchi c'erano confezioni di crackers. Secondo gli investigatori potrebbero essere coinvolte nella truffa altre persone, dunque proseguono le indagini. 

Potrebbe interessarti

  • Tartarughe d'acqua: fuorilegge dal 31 agosto

  • Filumena Marturano è veramente esistita e abitava in Vico San Liborio

  • Napoli e le isole viste dallo Spazio: la foto mozzafiato

  • Smettere di fumare: tutti possono farlo. Ecco come

I più letti della settimana

  • Calciomercato Napoli 2019-2020: trattative, acquisti e cessioni

  • Mezze maniche cremose ai pistacchi: primo velocissimo e goloso

  • Rissa nel Vasto, "grida disumane". Un quarantenne finisce in ospedale

  • Amichevole in famiglia in casa Juve, cori contro i napoletani: Sarri fa finta di nulla

  • Tony Colombo, attacco da Borrelli: "Senza casco e sul marciapiede, esempio di inciviltà"

  • ANTEPRIMA - Don Balon: "Il Real offre al Napoli Nacho e James per Koulibaly"

Torna su
NapoliToday è in caricamento