La truffa del pacco esportata in Abruzzo: all'interno del costoso involucro solo crackers

Due napoletani, 23 e 36 anni, sono stati arrestati a Chieti per truffa. I due si spacciavano per nipoti delle vittime, chiedevano di ritirare e pagare una consegna. All'interno salatini

Due napoletani di 23 e 36 anni sono stati arrestati a Chieti per truffa. I due avevano raggiunto l'Abruzzo e avevano messo a segno, ad aprile, due colpi nella stessa giornata, a Chieti e a Lanciano. Nel primo caso avevano intercettato un 92enne teatino, a cui uno di loro aveva chiesto telefonicamente - spacciandosi per un nipote - di ritirare un pacco e saldare il conto. L'anziano è stato addirittura accompagnato in banca per prelevare e pagare il presunto corriere. 

Leggi la notizia su ChietiToday

Pochi minuti dopo, a Lanciano, lo stesso copione si è ripetuto con una donna di 79 anni. All'interno dei pacchi c'erano confezioni di crackers. Secondo gli investigatori potrebbero essere coinvolte nella truffa altre persone, dunque proseguono le indagini. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Vento forte e temporali in arrivo sulla Campania: nuova allerta meteo

  • Venti forti e temporali su Napoli e provincia, prorogata l'allerta meteo

  • Allerta meteo e scuole chiuse: le ragioni e le possibili soluzioni

  • Cinzia Paglini è tornata a casa: lieto fine per l'artista napoletana

  • Allerta meteo per forte vento, scuole chiuse a Napoli il 12 novembre

  • Maltempo, via Imbriani chiusa: crolla un cornicione

Torna su
NapoliToday è in caricamento