Carburanti, il 50% dei distributori irregolari è campano

Grazie agli interventi eseguiti presso gli impianti di distribuzione stradale di carburanti, sono stati scoperti in Campania ben 154 casi di irregolarità

Oltre la metà dei distributori irregolari italiani sono in Campania. Il bilancio è frutto di circa 36.500 interventi effettuati nel 2016 dalla Guardia di Fiananza nell’ambito del “controllo economico del territorio”.

Le Fiamme Gialle, come riporta Il Mattino, hanno scoperto 390 violazioni nel campo delle imposte sulla produzione e sui consumi, e denunciato 275 persone responsabili di reati in materia di prodotti energetici, di cui 6 arrestate. Grazie ai 176  interventi eseguiti presso gli impianti di distribuzione stradale di carburanti, è stata scoperta una percentuale elevatissima di irregolarità (ben 154 casi), pari a oltre il 50% delle violazioni riscontrate a livello nazionale (271 casi di irregolarità). Nell’operazione di contrasto agli illeciti doganali, sono stati eseguiti inoltre 361 interventi che hanno permesso di riscontrare 144 violazioni e di segnalare all’autorità giudiziaria 79 persone.

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

    Notizie di oggi

    • Cultura

      I turisti promuovono Napoli: tutti in coda per i musei con il sorriso

    • Cronaca

      Esplode la colonna fecale: inondati i corridoi del Loreto Mare

    • Incidenti stradali

      Tragico incidente stradale, muore travolto da un'automobile

    • Cronaca

      Secondigliano, a fuoco tre auto parcheggiate in strada

    I più letti della settimana

    • Il dramma di Rosa: muore improvvisamente a 15 anni

    • Strage familiare in Svizzera: morti tre napoletani

    • "Ci sono tanti problemi, iniziamo a coprire le buche a Napoli"

    • Ruba "Gratta e vinci" nella tabaccheria caprese dei vip: arrestato

    • Edenlandia, ci siamo: "Riapertura a breve con un evento importante"

    • “C'è uno straniero col mitra”: pomeriggio di psicosi a Fuorigrotta

    Torna su
    NapoliToday è in caricamento