Torture ai detenuti in carcere, indaga anche la Procura di Napoli

Lo ha detto il garante nazionale dei diritti delle persone detenute o private delle libertà personali, Marco Palma

C'è anche la Procura di Napoli ad indagare a proposito di presunti reati di tortura o di violenze ai danni di detenuti.

Lo ha detto il garante nazionale dei diritti delle persone detenute o private delle libertà personali, Marco Palma, nel corso di una conferenza stampa successiva al caso che si è verificato nel carcere di San Gimignano.

"Abbiamo segnalato – ha precisato - casi aperti alle Procure di Torino, Ivrea, Viterbo, Salerno, Napoli, Piacenza, Udine e Brescia per un episodio avvenuto nel carcere di Monza, in due casi le Procure stanno indagando per il reato di tortura, poi vedremo se verrò contestato come avvenuto per i 15 agenti del carcere di San Gimignano". Non è la prima volta che le carceri napoletane sono al centro delle polemiche per presunti abusi sui detenuti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Choc allo stadio di Marano: 22enne trovata morta, 23enne in fin di vita

  • Ruba lo zaino ad un ragazzo mentre mangia un panino: arrestato

  • Sesso nel cimitero di Acerra: "Senza rispetto in un luogo di dolore"

  • Fedeli afragolesi senza parole: le nuvole formano l'immagine del volto di Gesù

  • Nela e la battaglia contro il cancro: "Quando arriva non ti lascia più. Ho pensato al suicidio"

  • Coronavirus, Benitez: "Mai visto niente di simile. Misuriamo la febbre due volte al giorno"

Torna su
NapoliToday è in caricamento