Torture ai detenuti in carcere, indaga anche la Procura di Napoli

Lo ha detto il garante nazionale dei diritti delle persone detenute o private delle libertà personali, Marco Palma

C'è anche la Procura di Napoli ad indagare a proposito di presunti reati di tortura o di violenze ai danni di detenuti.

Lo ha detto il garante nazionale dei diritti delle persone detenute o private delle libertà personali, Marco Palma, nel corso di una conferenza stampa successiva al caso che si è verificato nel carcere di San Gimignano.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Abbiamo segnalato – ha precisato - casi aperti alle Procure di Torino, Ivrea, Viterbo, Salerno, Napoli, Piacenza, Udine e Brescia per un episodio avvenuto nel carcere di Monza, in due casi le Procure stanno indagando per il reato di tortura, poi vedremo se verrò contestato come avvenuto per i 15 agenti del carcere di San Gimignano". Non è la prima volta che le carceri napoletane sono al centro delle polemiche per presunti abusi sui detenuti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Muore commerciante di Salvator Rosa, la cognata: "Non hanno voluto farle il tampone"

  • "Se ne va uno stimato professionista": San Giorgio piange il quarto decesso per Coronavirus

  • Coronavirus, salgono a 1309 i contagiati in Campania

  • Lapo Elkann promette aiuti a Napoli: “Non posso dimenticare le mie origini”

  • Napoli senza smog con il lockdown: l'aria pulita riduce anche la potenza del Coronavirus

  • Pepe Reina: "Ho avuto il Coronavirus. E' come essere travolti da un camion"

Torna su
NapoliToday è in caricamento