Suicidio Tiziana dopo il video hard, il pm chiede l'archiviazione

La procura di Napoli Nord ha chiesto l'archiviazione sull'indagine per istigazione al suicidio per la morte della 31enne

La procura di Napoli Nord ha chiesto l'archiviazione sull'indagine per istigazione al suicidio per la morte di Tiziana Cantone.

La 31enne si tolse la vita nella sua casa di Mugnano, il 13 settembre 2016. Un video hard della giovane era stato diffuso sul web, diventando virale.

L'inchiesta coordinata dal procuratore Francesco Greco era stata avviata contro ignoti. Ora il Gip deciderà se accogliere la richiesta.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La procura aveva precedentemente chiesto il rinvio a giudizio nei confronti del fidanzato di Tiziana, Sergio Di Paolo, in concorso con la vittima, per l'ipotesi di calunnia ai danni di cinque persone che sarebbero state accusate falsamente di aver divulgato in rete i video hard, poi però scagionati. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, 1103 casi in Campania: l'aggiornamento della Protezione civile

  • Muore commerciante di Salvator Rosa, la cognata: "Non hanno voluto farle il tampone"

  • Schianto su corso Campano, sbalzati dallo scooter: paura per due ragazzi

  • Morte lavoratore Anm, tra un anno sarebbe andato in pensione: positivo dopo un viaggio al nord

  • Coronavirus, salgono a 1309 i contagiati in Campania

  • Lapo Elkann promette aiuti a Napoli: “Non posso dimenticare le mie origini”

Torna su
NapoliToday è in caricamento