menulensuserclosebubble2shareemailgoogleplusstarcalendarlocation-pinwhatsappenlargeiconvideolandscaperainywarningdotstrashcar-crashchevron_lefteurocutleryphoto_librarydirectionsshoplinkmailphoneglobetimetopfeedfacebookfacebook-circletwittertwitter-circlewhatsappcamerasearchmixflagcakethumbs-upthumbs-downbriefcaselock-openlog-outeditfiletrophysent_newscensure_commentgeneric_commentrestaurant_companiessunnymoonsuncloudmooncloudrainheavysnowthunderheavysnowheavyfogfog-nightrainlightwhitecloudblackcloudcloudyweather-timewindbarometerrainfallhumiditythermometersunrise-sunsetsleetsnowcelsius

Aggrediti tifosi svedesi del Napoli: tre feriti

Questa sera al San Paolo l'incontro con la squadra Aik Solna. Mazze da baseball e coltelli all'esterno di una pizzeria in via De Pretis: la banda sarebbe composta da ultrà napoletani

Mazza da baseball

Tifosi aggrediti in città: tre feriti a poche ore dal match d'Europa League, stasera allo stadio San Paolo, tra il Napoli e la squadra svedese Aik Solna.

In tredici, ieri sera, svedesi ma tifosi del Napoli che avevano organizzato una trasferta nel capoluogo partenopeo sono stati aggrediti con mazze da baseball e coltelli all'esterno di una pizzeria, in via De Pretis, da una banda composta, secondo quanto riferito alla polizia dalle vittime, da ultrà napoletani.

La trasferta dei turisti svedesi era stata organizzata dal Napoli Club Stoccolma. Durante la serata, due dei tredici scandinavi, si sono allontanati dirigendosi verso il poco distante Maschio Angioino. Poco dopo sono tornati urlando 'ultra'". Tempo pochi minuti, all'esterno della pizzeria, dove sotto un gazebo c'erano gli svedesi, è arrivata una banda di persone con il volto coperto da foulard e armati di mazze e coltelli. Durante l'aggressione, sono rimasti feriti il titolare della pizzeria che è intervenuto in difesa degli svedesi, un 41enne che aveva organizzato la trasferta e che è a capo del club, ed un altro svedese di 23 anni. I tre feriti sono stati colpiti con coltelli e in maniera non grave, al gluteo e alle gambe. (Ansa)

 

Potrebbe interessarti


Commenti (7)

  • Il 18 settembre sono stati condannati 2 ultras napoletani che organizzavano raid contro tifosi di altre squadre, la collaborazione della Società Sportiva Calcio Napoli dai fatti di Napoli-Frosinone in poi ha scatenato la reazione di frange criminali (vi dice qualcosa la parola camorra?) che sfruttando le leggi sulla responsabilità oggettiva cercano di vendicarsi contro il club azzurro che ha da tempo intrapreso una politica per isolare i violenti. Già l'anno scorso i occasione di Napoli-Bayern Monaco si sono registrati episodi come quello di mercoledì sera. Le istituzioni e le forze dell'ordine sono a conoscenza di questo fenomeno che tende a creare danni alla società azzurra ed ai tifosi napoletani. Si tratta di criminalità organizzata non di tifo violento, mi auguro che le istituzioni e il club azzurro perseverino nel combatterla e non abbassino la guardia.

  • Avatar anonimo di carmela
    carmela

    povera Napoli soffri ogni giorno sempre di più per colpa di gente ignorante ,con tè soffrono  i veri napoletani chiudeteli in galera e l'anciate le chiavi nel vulcano

  • Avatar anonimo di Pascal l'avellinese
    Pascal l'avellinese

    Così dovrebbero accogliervi quando andate in trasferta!!!I giornali e tv non aspettavano altro.ridicoli

  • Avatar anonimo di Pietro
    Pietro

    da Buon Napoletano e Tifoso del Napoli e una VERGOGNA vedere questo tipo di Violenza, a Tutti i tifosi del Napoli portate Rispetto x gli avversari e date la Giusta ospitalidà hai tifosi Avversari

  • Avatar anonimo di BonBOn
    BonBOn

    Possibile che nessuno è riuscito a far capire a costoro che erano tifosi del napoli???

  • Avatar anonimo di dudù
    dudù

    siete da terzo mondo

  • Come al solito,quando giunge il momento di dimostrare che qualcosa sta cambiando,puntuale arriva l'episodio di cretineria e imbecillità che ci fa di nuovo tornare al centro delle critiche e delle facili illazioni rispolverando tutti i luoghi comuni su Napoli e i Napoletani.

Più letti della settimana

Torna su