"Grazie a Napolitano per l'attenzione dimostrata verso la Terra dei Fuochi"

Don Patriciello consegna "le cartoline dalla Terra dei Fuochi" al Capo dello Stato. Anche Caldoro sottolinea: "La sua sensibilità su un tema così sentito è stata fondamentale"

Don Maurizio Patriciello, parroco di Caivano da sempre in prima linea per la bonifica della Terra dei Fuochi, vasta area tra le province di Napoli e Caserta, incontra il Capo dello Stato Napolitano e lo ringrazia per la sensibilità dimostrata: "E' stato attento e sensibile, mi ha chiesto di dire alle mamme dei bambini morti che è loro vicino". Gli fa eco il presidente della Regione, Stefano Caldoro: "La sua sensibilità su un tema così sentito è stata fondamentale".

Il Presidente della Repubblica, malgrado la tempesta politica delle ultime ore, ha onorato gli impegni in programma a Napoli, tra cui il vertice in Prefettura per discutere di rifiuti e bonifiche. Napolitano, racconta Caldoro, si è informato sul lavoro svolto, su ciò che resta da fare, sulle risorse necessarie: occorre, sottolinea il governatore, "che il tema sia al centro dell'agenda nazionale, come grande priorità".

A Napolitano sono state consegnate, ieri, le cartoline di undici mamme che hanno perso i loro figli per patologie riconducibili all'inquinamento ambientale, provocato dai roghi dei rifiuti e dall'interramento di sostanze tossiche: ed a quelle donne il presidente, attraverso don Patriciello, ha voluto esprimere la sua personale vicinanza.

Il ministro per l'ambiente Andrea Orlando, ha dichiarato che, purtroppo, la crisi di governo rallenterà quanto si stava facendo per la Terra dei fuochi. E c'è lo spettro di una nuova crisi rifiuti: "Un rischio non remoto", secondo il presidente della Provincia di Napoli Antonio Pentangelo, che chiede "urgenti misure normative e finanziarie per affrontare il passaggio dal sistema provinciale a quello affidato interamente ai comuni". Ancora più preoccupato il collega di Caserta, Domenico Zinzi: "L'emergenza non è mai finita, anzi è nella sua fase più acuta e non può essere affrontata in via ordinaria". Il sindaco di Napoli, Luigi de Magistris, si unisce all'apprezzamento per l'attenzione del capo dello Stato e definisce "un diritto" del territorio ricevere le risorse per le bonifiche. "Serve un grande investimento pubblico in Campania. Napoli deve assolutamente ottenere i fondi per il risanamento dei propri suoli, e altrettanto vale per la provincia e per la Terra dei fuochi. Non possiamo rischiare che il nostro territorio resti inquinato per sempre".
(ANSA)

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Prove d'evacuazione dei Campi Flegrei, un milione di telefoni squilleranno in contemporanea

  • Otto multe in due mesi: "Con quei soldi avrei comprato latte e biscotti a mia figlia"

  • Allerta meteo su Napoli, parchi cittadini chiusi il 16 ottobre

  • Volo Napoli-Torino, atterraggio d'emergenza a Genova

  • Lutto al Cardarelli, si è spento noto anestesista

  • Temporali in arrivo su Napoli e Campania: allerta meteo della Protezione Civile

Torna su
NapoliToday è in caricamento