Nuovi controlli nella Terra dei Fuochi: elicottero in volo sui terreni

Tra Napoli e Caserta 83 persone sono state denunciate, una arrestata. Sequestrate o sospese 35 aziende

Proseguono i controlli dei carabinieri nel territorio della Terra dei fuochi tra Napoli e Caserta. Ottantatre persone denunciate e una arrestata. Sequestrate o sospese 35 aziende.

Controllati con il supporto di un elicottero anche i terreni con divieto di coltivazione. I reati contestati vanno dallo smaltimento illecito di rifiuti alla emissione non autorizzata di fumi in atmosfera, dallo sfruttamento del lavoro nero e clandestino alla violazione della normativa in materia igiene sui luoghi di lavoro, dall'abusivismo edilizio alla mancanza di sicurezza per i lavoratori.

In un'azienda zootecnica di Giugliano non esistevano i registri di carico e scarico dei medicinali per gli animali e del letame. Il titolare, inoltre, non aveva rimosso quattro tettoie di cemento-amianto delle stalle, per un totale di circa 400 mq.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

A Qualiano un coltivatore irrigava i terreni prendendo acqua da un pozzo a ridosso di un'area sequestrata per presenza di rifiuti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Giovani in strada fino a tarda notte, da Napoli arriva una soluzione alternativa

  • Riaprono spiagge libere e stabilimenti balneari: l'ordinanza della Regione Campania

  • "Non siamo imbuti, abbiamo perso la felicità. Annullate l'esame di maturità": lo sfogo di una studentessa

  • Covid, focolaio al Cardarelli. Gli infermieri insorgono: "Situazione desolante"

  • Post Coronavirus: le nuove tendenze del mercato immobiliare

  • Coronavirus, i dati a Napoli: nessun nuovo guarito ma tre casi e un decesso in più

Torna su
NapoliToday è in caricamento