Studente universitario tenta il suicidio: salvato da un carabiniere

Ha tentato di lanciarsi dal balcone di casa

Uno studente universitario 30enne di Pompei in piena notte ha tentato di togliersi la vita lanciandosi dal balcone dell’abitazione in cui vive al 5° piano di un condominio.

Il padre, accortosi di quanto stava accadendo, ha subito tentato di dissuaderlo e di bloccarlo. E' intervenuto anche un vicino, svegliato dalle voci dei due, ma a nulla sono valsi gli sforzi perché il ragazzo continuava a sporgersi pericolosamente dal balcone. Nel frattempo i parenti del ragazzo e i vicini hanno fatto chiamare il 112 per chiedere l’aiuto di una pattuglia dell’arma.

Nell’appartamento, nel giro di pochi minuti, sono intervenuti i carabinieri della stazione di Pompei. Corsi su per le scale ed entrati in casa, hanno parlato con il 30enne per tentare di tranquillizzarlo, ma l’uomo all’improvviso si è sporto ancora di più oltre la ringhiera del balcone. A quel punto un carabiniere lo ha afferrato per un braccio e lo ha tratto in salvo. Il 30enne ha anche morso e spintonato il militare che è stato medicato in ospedale e ne avrà per 15 giorni poiché ha battuto la testa cadendo. Anche il 30enne è stato trasportato in ospedale e resta ricoverato.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Consegnò la pizza al Papa: arrestato per truffa Enzo Cacialli

  • Scoperta la centrale del 'pezzotto', arresti in tutta Europa: c'erano 700mila clienti

  • Whirlpool, i lavoratori in corteo bloccano l'A3

  • Controlli tra le pizzerie in via Tribunali, occupazioni abusive per 700 metri quadri

  • Lutto nel mondo della medicina napoletana, muore improvvisamente Paolo Mercogliano

  • Sacchi: "Nella difesa del Napoli solo Di Lorenzo si muove in modo organico e sinergico"

Torna su
NapoliToday è in caricamento