Shock a piazza Garibaldi: tenta di gettare nella spazzatura il figlio appena nato

La donna è accusata di tentato infanticidio. Il neonato è stato ricoverato al Loreto Mare: le sue condizioni sono buone

Intorno alle 3.15 del mattino di oggi gli agenti della Polizia sono stati allertati da alcuni cittadini che avevano notato in Piazza Garibaldi una 37enne ucraina, sporca di sangue con un sacchetto di plastica anch’esso coperto da tracce ematiche.

La donna, dopo essere stata rintracciata, ha riferito che nel sacchetto c'erano solamente rifiuti, ma i poliziotti, non fidandosi hanno esaminato il contenuto nel sacchetto e scoperto che al suo interno c'era un neonato appena partorito.

La donna ed il bimbo sono stati immediatamente condotti all’Ospedale Loreto Mare dove i sanitari hanno accertato che il neonato era stato appena partorito dalla cittadina straniera. Il bimbo è stato sottoposto alle cure mediche ed attualmente è in buone condizioni di salute. La madre, cittadina ucraina di 37 anni è stata anche lei ricoverata ed è attualmente piantonata in stato di arresto in quanto ritenuta responsabile del reato di tentato infanticidio.

Colletta spontanea tra i poliziotti per provvedere alle esigenze del bimbo.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Sgominata banda di ladri: a capo c'era "Lo zio"

  • Cronaca

    'Anime bianche': "Per tutti gli operai morti come mio padre"

  • Cronaca

    Metropolitana, disagi sulla linea 1: la situazione

  • Chiaia

    Riviera di Chiaia, le linee di bus nuovamente attive dal 18 ottobre

I più letti della settimana

  • Ucciso con una coltellata al cuore, in migliaia ai funerali di Lello Perinelli

  • Un Posto al Sole, anticipazioni dal 15 al 19 ottobre 2018 (giorno per giorno)

  • Pomeriggio thrilling a Napoli: spari al Rione Luzzatti, la Polizia ferma commando in via Briganti

  • Trema il Vesuvio, scossa in superficie nella notte

  • Schianto a Cardito, perde la vita una giovane mamma

  • Napoli cancellata da un'inondazione: la ricerca di un'università tedesca

Torna su
NapoliToday è in caricamento