Tangenziale: 184 lavoratori in cassa integrazione

La notizia è stata data dal sindaco di Napoli che ha duramente attaccato la proprietà

Una brutta notizia arriva per i lavoratori della Tangenziale di Napoli. Su 324 lavoratori, 184 finiranno in cassa integrazione a partire da lunedì 28 ottobre. Il provvedimento durerà per circa 13 settimane e sarà contemporaneo ai lavori di ristrutturazione previsti per mettere in sicurezza l'arteria viaria. Una scelta che ha suscitato le immediate proteste del sindaco di Napoli, Luigi de Magistris che ha attaccato la proprietà.

Il commento 

Le parole di de Magistris

“Ci lascia sbalorditi la notizia che la società tangenziale metterà da lunedì 28 ottobre e per ben 13 settimane in cassa integrazione 184 lavoratori su 324. E questo per eventi transitori e non imputabili alla società? Cioè le conseguenze dei lavori sul viadotto, necessari per assicurare la programmabile manutenzione dell’asse viario cittadino, unico in Italia a pagamento da 40 anni, ricadono sui lavoratori? Oltre che sulle migliaia di cittadini costretti da giorni a file estenuanti sulla Tangenziale? Davvero non ci sono parole per l’atteggiamento della società Tangenziale che fa pagare ad altri le colpe per una mancata programmazione dei lavori. Intollerabile!“ È il commento del sindaco di Napoli  Luigi de Magistris.

I lavori previsti 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Amuchina, come farla in casa con la ricetta dell'Organizzazione Mondiale della Sanità

  • Aglio in cucina: tutti gli errori che non sai di commettere

  • Bimbo ricoverato al Cotugno, test negativi: non è affetto da Coronavirus

  • Bimbo di tre anni ricoverato al Cotugno: non si tratta di Coronavirus

  • Feltri sul Coronavirus: "Invidio i napoletani hanno avuto solo il colera"

  • Coronavirus, Di Mauro: "No allarmismi. Il Cotugno è comunque preparato ad ogni evenienza"

Torna su
NapoliToday è in caricamento