Camorra, Taglialatela assolto anche in appello

Era accusato di essere un prestanome del clan Mallardo

E' stato assolto dalla seconda sezione della Corte di Appello di Napoli l'ex portiere del Napoli, Pino Taglialatela, dall'accusa di essere un prestanome di un esponente del clan Mallardo. 

L'ex portiere del Napoli era già stato scagionato dall'accusa mossa dalla DDA di intestazione fittizia di alcuni autoveicoli e di associazione di stampo mafioso.

Oggi i giudici di secondo grado, che si sono pronunciati sul ricorso della Procura Antimafia, hanno messo fine alla vicenda.

"L'assoluzione ha messo la parola fine a una brutta vicenda che ha prodotto forti ripercussioni sulla sua vita, anche in quella lavorativa", spiega l'avvocato dell'ex portiere azzurro.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Amuchina, come farla in casa con la ricetta dell'Organizzazione Mondiale della Sanità

  • Bimbo ricoverato al Cotugno, test negativi: non è affetto da Coronavirus

  • Bimbo di tre anni ricoverato al Cotugno: non si tratta di Coronavirus

  • Feltri sul Coronavirus: "Invidio i napoletani hanno avuto solo il colera"

  • Coronavirus, Di Mauro: "No allarmismi. Il Cotugno è comunque preparato ad ogni evenienza"

  • Tweet su Coronavirus e colera, Borrelli e Simioli: "Abbiamo deciso di denunciare Feltri"

Torna su
NapoliToday è in caricamento