Amianto e rifiuti speciali sversati illecitamente: denunciati 2 imprenditori

Sversamenti pericolosi in un terreno privata adibita abusivamente in parte a parcheggio di mezzi pesanti ed in parte a discarica. L'area di circa 4.000 mq e del valore di un milione di euro, è stata sequestrata

L'area sequestrata

Pomigliano D'Arco: denunciati due imprenditori di 50 e 51 anni per abuso edilizio e per aver violato le leggi a tutela dell’ambiente.

Durante controlli, i Carabinieri di Pomigliano hanno scoperto, su via Cimitero, un’area privata, in parte adibita a parcheggio di mezzi pesanti, dove i 2 uomini (uno proprietario l'altro affittuario del terreno) avevano sversato, illecitamente, rifiuti speciali e materiale di risulta (lastre di eternit, plastica, carcasse di auto, motori intrisi di olio, materiale ferroso, pneumatici, calcinacci).

I militari dell'arma hanno anche accertato che il terreno aveva una diversa destinazione d’uso (fascia di rispetto cimiteriale). L’area, di circa 4.000 mq e del valore stimato in un milione di euro, è stata sequestrata.

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

    Notizie di oggi

    • Cronaca

      Due affiliati non eseguono gli ordini del clan: li uccide un boss 16enne

    • Cronaca

      Camorra, infiltrazioni del clan Polverino negli appalti: cinque provvedimenti cautelari

    • Incidenti stradali

      Pozzuoli, scontro tra due automobili: un morto

    • Cronaca

      Lutto a Piano di Sorrento: il piccolo Luigi non ce l'ha fatta

    I più letti della settimana

    • Suicida la cantante neomelodica Lucia Caruso: aveva 35 anni

    • Addio "all'innovatore" della Regione Campania: Pierino Russo non c'è più

    • Partorisce un bimbo, in ospedale arrivano due papà: è corsa al Lotto

    • Professionista pestato da tre rapinatori: sui social la foto dopo le violenze

    • Ristorante degli orrori a Ischia, sequestrati 130 kg di cibo avariato

    • Il suicidio della cantante neomelodica: "Addio amica mia"

    Torna su
    NapoliToday è in caricamento