Amianto e rifiuti speciali sversati illecitamente: denunciati 2 imprenditori

Sversamenti pericolosi in un terreno privata adibita abusivamente in parte a parcheggio di mezzi pesanti ed in parte a discarica. L'area di circa 4.000 mq e del valore di un milione di euro, è stata sequestrata

L'area sequestrata

Pomigliano D'Arco: denunciati due imprenditori di 50 e 51 anni per abuso edilizio e per aver violato le leggi a tutela dell’ambiente.

Durante controlli, i Carabinieri di Pomigliano hanno scoperto, su via Cimitero, un’area privata, in parte adibita a parcheggio di mezzi pesanti, dove i 2 uomini (uno proprietario l'altro affittuario del terreno) avevano sversato, illecitamente, rifiuti speciali e materiale di risulta (lastre di eternit, plastica, carcasse di auto, motori intrisi di olio, materiale ferroso, pneumatici, calcinacci).

I militari dell'arma hanno anche accertato che il terreno aveva una diversa destinazione d’uso (fascia di rispetto cimiteriale). L’area, di circa 4.000 mq e del valore stimato in un milione di euro, è stata sequestrata.

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

    Notizie di oggi

    • Cronaca

      Terremoto Ischia, salvi i tre bimbi sepolti sotto le macerie

    • Notizie SSC Napoli

      Nizza-Napoli 0-2: gli azzurri volano ai gironi di Champions dopo un nuovo show

    • Cronaca

      Terremoto Ischia: "Allucinante morire per un sisma di questa entità"

    • Posillipo

      Fiamme a Via Petrarca, distrutto lo storico bar Miranapoli

    I più letti della settimana

    • Forte scossa di terremoto ad Ischia, due vittime e 39 feriti

    • Esulta per il terremoto a Ischia, vergogna su Twitter: "Ora aspettiamo il Vesuvio"

    • Forio, malore nella stanza d'albergo: muore turista 28enne

    • Terrorismo, "Napoli è sempre stata immune dagli attacchi": i motivi

    • Psicosi attentati, passeggera di un traghetto marocchina scambiata per terrorista

    • Incidente mortale a Zante, muore il 20enne Pasquale Sacco

    Torna su