Video hard di Tiziana, Facebook: "Copriremo le spese legali a nostro carico"

"Siamo molto addolorati per questa tragedia e continueremo a lavorare con le autorità locali, gli esperti e le associazioni per evitare che questi episodi si ripetano", è la nota di un portavoce di Facebook

Nota diffusa da un portavoce di Facebook sulla vicenda di Tiziana, toltasi la vita dopo la pubblicazione di un video hard.

"Siamo molto addolorati per questa tragedia e continueremo a lavorare con le autorità locali, gli esperti e le associazioni per evitare che questi episodi si ripetano".

Il portavoce ha anche ribadito come la piattaforma non permetta la pubblicazione di video con immagini di nudo o che espressamente colpiscano persone con l'intenzione di denigrarle o metterle in imbarazzo. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Incoraggiamo gli utenti a utilizzare gli strumenti che la piattaforma mette a disposizione per segnalare contenuti che secondo loro violano le regole. La decisione contro la quale abbiamo proposto appello imponeva a Facebook un dovere di sorveglianza generale su contenuti postati dagli utenti, che è in contrasto con le norme vigenti. Non abbiamo chiesto la condanna alle spese e abbiamo detto in modo chiaro alla Corte, che copriremo le spese legali a nostro carico", scrive l'Ansa, riprendendo la nota di Facebook.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Muore commerciante di Salvator Rosa, la cognata: "Non hanno voluto farle il tampone"

  • Coronavirus, salgono a 1309 i contagiati in Campania

  • "Se ne va uno stimato professionista": San Giorgio piange il quarto decesso per Coronavirus

  • Lapo Elkann promette aiuti a Napoli: “Non posso dimenticare le mie origini”

  • Napoli senza smog con il lockdown: l'aria pulita riduce anche la potenza del Coronavirus

  • Pepe Reina: "Ho avuto il Coronavirus. E' come essere travolti da un camion"

Torna su
NapoliToday è in caricamento