Suicidio carabiniere, gli inquirenti indagano sulla vita privata di Giuseppe Granata

L'uomo, 63 anni, si è tolto la vita sparandosi stamane all'esterno della caserma di Battipaglia. Originario di Villaricca, viveva con moglie e due figli ad Amantea. Non si esclude alcuna pista

Era originario di Villaricca Giuseppe Granata, il carabiniere di 63 anni che si è ucciso sparandosi all'esterno della caserma di Battipaglia. Si è tolto la vita mentre era in auto, con la sua pistola d'ordinanza. Alcuni passanti hanno assistito sgomenti alla scena.

Il militare del Nucleo investigativo di Napoli era sposato ed aveva due figli, di 25 e 26 anni.

La sua morte ha scosso sia la comunità della città natale a Nord di Napoli, sia quella di Amantea in provincia di Caserta dove l'uomo viveva con i suoi familiari.

Indagano sulla vicenda i carabinieri della Compagnia di Battipaglia. Al momento non si esclude alcuna pista investigativa, e si sta sondando anche la vita privata dell'uomo per capire quale possa essere la ragione di un gesto tanto estremo.