Napoli, boom di suicidi per motivi economici

Dati drammatici per la Campania che si avvicina al Veneto, in testa alla classifica nazionale

Sono drammatici i dati riguardanti i suicidi per motivi economici in Campania. Con in testa le province di Napoli e Salerno, è quasi raddoppiata la percentuale di persone che hanno deciso di togliersi la vita perché non riescono ad arrivare a fine mese. Lo rivela una ricerca dell'Osservatorio della Link Campus University che evidenzia una crescita dei suicidi anche nelle regioni meridionali, soprattutto nell'ultimo anno. La Campania è passata dal 12,4% dei suicidi a livello nazionale per il 2012 al 21,8% per l'anno 2018.

La provincia di Napoli 

La provincia di Napoli è in testa in questa triste classifica. L'intera regione fa registrare il 13,5% dei suicidi complessivi sull'intero territorio nazionale e si piazza dietro al Veneto, in testa con il 15,8%. La fascia d'età maggiormente esposta al fenomeno è quella che va dai 45 ai 54 anni con una percentuale del 34,1%. Il 20% dei suicidi invece avviene nella fascia d'età tra i 35 e i 44 anni. Il 10%, invece, avviene tra le persone sotto i 34 anni. La maggioranza delle persone che decide di togliersi la vita è fatta di disoccupati facendo segnare il dato più allarmante per la regione.

Potrebbe interessarti

  • Ragno violino: come difendersi e cosa fare in caso di morso

  • Cardarelli: presto visite ed esami si prenoteranno nella farmacia vicino casa

  • Come eliminare la puzza dal tuo bidone della spazzatura

  • Pelle secca: quali sono i rimedi più efficaci

I più letti della settimana

  • Lancia la figlia dal 2° piano e si butta giù: morta sul colpo la bimba di 16 mesi

  • Fuorigrotta, tragico incidente stradale: muore una 15enne

  • Caos in via Rosaroll, aggressione e spari: feriti due poliziotti e un cane

  • Addio Paolo: è lui il 26enne rimasto ucciso in un incidente lungo via Marina

  • Un Posto al Sole, anticipazioni dal 15 al 19 luglio 2019

  • Dramma in via Marina, scooter contro auto: muore 26enne

Torna su
NapoliToday è in caricamento