Studio dentistico abusivo: la scoperta della Guardia di Finanza a Pozzuoli

Il titolare è risultato privo dei prescritti titoli abilitativi e delle relative autorizzazioni previste dalla legge per l’esercizio della professione medica, nonché sconosciuto al fisco

(immagini di repertorio)

I finanzieri del Comando provinciale di Napoli hanno sequestrato a Pozzuoli uno studio dentistico abusivo.

In particolare, i finanzieri del gruppo di Pozzuoli, hanno eseguito un controllo presso uno studio dentistico il cui titolare è risultato privo dei prescritti titoli abilitativi e delle relative autorizzazioni previste dalla legge per l’esercizio della professione medica, nonché sconosciuto al fisco.

Al termine dell’attività ispettiva, il locale è stato posto sotto sequestro unitamente all’attrezzatura chirurgica rinvenuta, agli arredi, a farmaci di vario tipo, alla strumentazione odontotecnica per piccole lavorazioni e/o riparazioni di protesi dentarie ed agli apparecchi dedicati alla sterilizzazione degli strumenti chirurgici.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il titolare dello studio dentistico è stato segnalato all’autorità giudiziaria per esercizio abusivo della professione medica e nei suoi confronti sono altresì in corso accertamenti allo scopo di ricostruire compiutamente, anche sulla base della documentazione rinvenuta nel corso dell’intervento, i compensi dallo stesso percepiti e non dichiarati al fisco.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "A Napoli c'è anche un'eccellenza": il post di Mentana fa indignare i napoletani

  • Covid-19: lutto a Chiaia per la morte di Luciano Chiosi

  • Coronavirus, morta una 48enne ricoverata al Loreto Mare

  • "E' morto un nonno amorevole e molto conosciuto": nuovo lutto a San Giorgio per Covid-19

  • Rione Sanità, muore per Covid-19 a soli 42 anni: tamponi ai familiari

  • Coronavirus, tutti gli aggiornamenti del 2 aprile a Napoli e provincia

Torna su
NapoliToday è in caricamento