Malati in barella lungo le corsie: la vergogna del Cardarelli ripresa da Striscia la Notizia

"Sono violate tutte le misure anche minime di privacy, con malati costretti a restare seminudi davanti agli occhi increduli degli altri ospiti dell'ospedale"

"Sembra un accampamento ma è l''ospedale più grande del Mezzogiorno”. Con queste amare parole Luca Abete l’inviato di Striscia la Notizia, ha fotografato la situazione incresciosa nella quale sono costretti a vivere i degenti del pronto soccorso del Cardarelli, ammassati lungo le corsie dell’ospedale su barelle.

“Sono violate tutte le misure anche minime di privacy, con malati costretti a restare seminudi davanti agli occhi increduli degli altri ospiti del Cardarelli e dei loro familiari che vanno a trovarli”.

Ci sono anche casi di persone che sono costrette a restare attaccate a bombole di ossigeno in tali condizioni disumane. Mancano anche le cassette di sicurezza e i degenti sono costretti a tenere sulle barelle i propri oggetti personali.

Rocco Granata, direttore generale del Cardarelli, si difende affermando come il vero problema sia la carenza di personale intento ad occuparsi di un numero troppo alto di persone. “Ci dispiace trattare così i malati, ma noi abbiamo solo 26 posti letto e non possiamo certo rifiutarci di accoglierli. Queste cose non devono capitare e speriamo non succeda più”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Amuchina, come farla in casa con la ricetta dell'Organizzazione Mondiale della Sanità

  • Bimbo ricoverato al Cotugno, test negativi: non è affetto da Coronavirus

  • Bimbo di tre anni ricoverato al Cotugno: non si tratta di Coronavirus

  • Feltri sul Coronavirus: "Invidio i napoletani hanno avuto solo il colera"

  • Coronavirus, Di Mauro: "No allarmismi. Il Cotugno è comunque preparato ad ogni evenienza"

  • Tweet su Coronavirus e colera, Borrelli e Simioli: "Abbiamo deciso di denunciare Feltri"

Torna su
NapoliToday è in caricamento