Doppia stesa nel cuore di Napoli: malore per un uomo dallo spavento

Cardiopatico, il 62enne è stato condotto in ospedale. Ai domiciliari, all'esterno del portone di casa sua a Santa Chiara sono stati esplosi diversi colpi. Colpi in aria anche nella zona dei Decumani

Due nuovi raid a colpi di pistola sono stati portati a termine la scorsa notte nel cuore della città. Un uomo ha accusato un malore dallo spavento ed è sta condotto in ospedale.

Raid a Santa Chiara

La doppia stesa avviene a pochi giorni da un altro episodio del tutto simile. Stavolta è stata presa di mira, poco prima delle 4, l'abitazione di un pregiudicato agli arresti domiciliari in via Francesco Saverio Gargiulo (nei pressi di Santa Chiara). Sul posto i carabinieri hanno trovato due proiettili conficcati nel portone della casa, mentre sul selciato 12 bossoli di pistola calibro 9.
L'uomo, di 62 anni, è stato portato in ospedale: cardiopatico, ha accusato un malore dallo spavento.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La precedente doppia stesa

Colpi in aria ai Decumani

Un altro episodio aveva avuto luogo intorno a mezzanotte in vico Santi Filippo e Giacomo (zona Decumani), dove è intervenuta la polizia. Gli agenti hanno trovato tre bossoli calibro 9x21 che - data l'assenza di punti di impatto - si presume siano stati esplosi in aria. Anche in questo caso, in zona, risiede un noto pregiudicato.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "A Napoli c'è anche un'eccellenza": il post di Mentana fa indignare i napoletani

  • Covid-19: lutto a Chiaia per la morte di Luciano Chiosi

  • Coronavirus, morta una 48enne ricoverata al Loreto Mare

  • "E' morto un nonno amorevole e molto conosciuto": nuovo lutto a San Giorgio per Covid-19

  • Rione Sanità, muore per Covid-19 a soli 42 anni: tamponi ai familiari

  • Coronavirus, tutti gli aggiornamenti del 2 aprile a Napoli e provincia

Torna su
NapoliToday è in caricamento