Allarme freddo: Metro aperte per i clochard fino alla fine dell'emergenza

Lo ha annunciato il primo cittadino partenopeo Luigi de Magistris: "Fino alla fine dell'emergenza, i senza tetto potranno ripararsi nelle stazioni Museo, nel centro storico, e Vanvitelli, al Vomero"

Stazione Museo - foto de Magistris

Metropolitane aperte di notte per i clochard per ripararsi dalla morsa del gelo che sta attanagliando anche Napoli in questi ultimi giorni.

"In vista del grande freddo annunciato dai meteorologi per i prossimi giorni - ha annunciato ieri il sindaco di Napoli Luigi de Magistris - in città abbiamo deciso di tenere aperte di notte due fermate della linea 1 della metropolitana".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Fino alla fine dell'emergenza - ha spiegato ancora il primo cittadino - i senza tetto potranno ripararsi dalle basse temperature nelle stazioni Museo, nel centro storico, e Vanvitelli, al Vomero. Il provvedimento verrà comunicato attraverso la Caritas e le associazioni di volontariato in modo che tutti coloro che già non usufruiscono dei dormitori pubblici possano venirne a conoscenza".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Riaprono spiagge libere e stabilimenti balneari: l'ordinanza della Regione Campania

  • "Non siamo imbuti, abbiamo perso la felicità. Annullate l'esame di maturità": lo sfogo di una studentessa

  • Morte Pasquale Apicella, la vedova: "In quella macchina sono morta anche io"

  • Covid, focolaio al Cardarelli. Gli infermieri insorgono: "Situazione desolante"

  • "Il virus sta perdendo forza. Possiamo guardare con ottimismo al futuro": l'intervista a Giulio Tarro

  • Agguato ad Acerra, ucciso un uomo a colpi d'arma da fuoco

Torna su
NapoliToday è in caricamento