Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Piazza Nazionale, l'accusa di Panini: "Tutti sanno della faida e nessuno interviene"

 

"Questa faida va avanti da tempo, se ne conoscono i protagonisti, eppure non si riesce a intervenire per sventare gli agguati. Devono spiegarci il perché". E' duro il commento del vicesindaco di Napoli Enrico Panini sull'agguato di piazza Nazionale, accaduto venerdì scorso.

La faida a cui fa riferimento il numero due di Palazzo San Giacomo è quella che da tempo coinvolge i clan Mazzarella e Rinaldi per il dominio nella zona orientale della città e che adesso si è affacciata alle porte del centro. Alla manifestazione "Disarmiano Napoli", voluta da Un popolo in cammino, hanno partecipato cittadini, associazioni e istituzioni. Assente il sindaco de Magistris, l'amministrazione comunale è stata rappresentata da Panini e dall'assessore Alessandra Clemente, figlia di Silvia Ruotolo, vittima innocente di camorra.

"Siamo stanchi di scendere in strada dopo le tragedie - afferma Fabio Giuliani di Libera - Tutti noi dobbiamo fare di più, ma è tutto inutile se lo Stato non incomincia a riprendersi le strade". 

Potrebbe Interessarti

Torna su
NapoliToday è in caricamento