Spari al ristorante: condannato uomo del clan

Otto anni di carcere per tentato omicidio a Luigi Mansi, ritenuto vicino al clan Gallo-Limelli-Vangone

Otto anni di reclusione. È questa la condanna che il tribunale di Torre Annunziata ha inflitto a Luigi Mansi, pregiudicato vicino al clan Gallo-Limelli-Vangone, condannato per tentato omicidio. Il 49enne è finito a processo per i fatti dello scorso 19 giugno quando ferì, nel corso di una sparatoria, un 46enne di Striano. Tutto partì con una lite in un ristorante della Panoramica di Boscotrecase tra due famiglie impegnate nei festeggiamenti di due ricorrenze private.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Lite che degenerò quando vennero esplosi i colpi di pistola che ferirono il 46enne. Nel corso del processo la vittima riconobbe in aula il suo feritore. Il pubblico ministero Antonella Lauri aveva invocato per l'imputato una condanna a otto anni e sei mesi di reclusione.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • De Luca: "Picco di contagi a inizio maggio. Stringiamo i denti o giugno e luglio chiusi in casa"

  • Coronavirus, tutti gli aggiornamenti del 5 aprile a Napoli e in provincia

  • Covid-19: lutto a Chiaia per la morte di Luciano Chiosi

  • Lettera ai figli dopo la morte: "Quando la leggerete non ci sarò più"

  • Coronavirus, morta una 48enne ricoverata al Loreto Mare

  • Scossa di terremoto nella notte: preoccupazione nell'area flegrea

Torna su
NapoliToday è in caricamento