Sparatoria "fantasma" a Giugliano: l'obiettivo era un pregiudicato

L'episodio è stato denunciato, nella zona delle Palazzine Ina casa, intorno alle 12. All'arrivo di una volante nessuno ha confermato. Poi dalle indagini è emerso si trattasse di un vero e proprio raid

La zona delle Palazzine

Una sparatoria, inizialmente segnalata come senza testimoni, si è verificata intorno alle 12 di oggi nella zona delle palazzine Ina casa delle Colonne a Giugliano. Sul posto, avvertita da più persone, si è recata una volante della polizia. All'arrivo degli agenti nessuno però ha confermato il fatto.

Un vero e proprio giallo: finestre chiuse e nessuna voglia di parlare da parte dei residenti. I poliziotti hanno perlustrato la zona senza trovare inizialmente né bossoli né tracce di sangue. Ulteriori indagini hanno poi fatto emergere che il raid c'era stato. Almeno quattro persone, in sella a due scooter - e con i volti coperti da casco integrale - avevano sparato in un circolo avendo come obiettivo un pregiudicato della zona, rimasto lievemente ferito.

Un proiettile si è conficcato nel furgone di un gruppo di evangelici, il cui tendone era installato a pochi passi dal circolo in cui era avvenuto l'agguato.

La zona, nell'ottobre 2015, fu teatro di un agguato ad alcuni presunti affiliati legati a quel Michele Di Biase, alias "Paparella", poi scomparso nel nulla.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "A Napoli c'è anche un'eccellenza": il post di Mentana fa indignare i napoletani

  • Covid-19: lutto a Chiaia per la morte di Luciano Chiosi

  • Coronavirus, morta una 48enne ricoverata al Loreto Mare

  • "E' morto un nonno amorevole e molto conosciuto": nuovo lutto a San Giorgio per Covid-19

  • Rione Sanità, muore per Covid-19 a soli 42 anni: tamponi ai familiari

  • Coronavirus, tutti gli aggiornamenti del 2 aprile a Napoli e provincia

Torna su
NapoliToday è in caricamento