Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Quartieri Spagnoli, paletti abusivi rimossi dopo il servizio di Napolitoday

Gli operatori della Napoli Servizi al lavoro per ripristinare la viabilità regolare. Il 26 giugno, il nostro servizio aveva mostrato il transito di automobili e moto nelle aree pedonali e la sosta selvaggia

 

Il Comune di Napoli batte un colpo nei Quartieri Spagnoli. Gli operatori della Napoli Servizi hanno rimosso una pate delle centinaia di paletti abusivi piantati da alcuni residenti per consentire la sosta selvaggia di automobili e motorini. Sarà un caso, ma l'intervento giunge dopo che, lo scorso 26 giugno, Napolitoday ha pubblicato un servizio video dal titolo "Quartieri spagnoli, la pedonalizzazione della discordia" le cui immagini mostravano due e quattro ruote che sfrecciavano in aree pedonali, oltre alla sosta selvaggia.

I commercianti intervistati, oltretutto, commentavano il progetto del Comune di sistemare delle fioriere per chiudere le strade al traffico. Un'idea considerata non suficiente per affrontare una criticità atavica dei Quartieri Spagnoli. Sulla rimozione dei paletti abusivi è intervenuto anche Marcello Cadavero, assessore ai Lavori Pubblici della II Municipalità: "Questa mattina, gli operatori della Napoli Servizi hanno provveduto a rimuovere parte dei paletti abusivi che invadono i Quartieri Spagnoli. Sono felice che il Comune abbia dato un segnale, seppur tardivo, in una zona che necessita della giusta attenzione. Evidentemente, anche la denuncia di Napolitoday è servita a smuovere le acque".

Cadavero è tra i fautori di un progetto, presentato nella primaera 2019, per la pedonalizzazione dei Quartieri attraverso varchi telematici e videosorveglianza. Progetto che, al momento, il Comune di Napoli sembra voler ignorare, preferendo le fioriere.

Potrebbe Interessarti

Torna su
NapoliToday è in caricamento