La Guardia di Finanza stronca il contrabbando di sigarette nel nolano

Da inizio anno sequestrate circa dieci tonnellate di sigarette, soprattutto marche facilmente reperibili nel napoletano. Arrestate 35 persone, altre 14 denunciate, scoperti diversi depositi e identificata la fonte del contrabbando in est-Europa

Sono numeri impressionanti quelli legati al contrabbando di sigarette stroncato dalla Guardia di Finanza - Compagnia di Nola. Da gennaio 2017 i finanzieri hanno sequestrato, complessivamente, circa 10 tonnellate di sigarette, soprattutto le note "Cheap White" (marche Regina, Mark1, 500, Marble) facilmente reperibili nel napoletano. I finanzieri sono riusciti a risalire alla fonte, individuando i flussi di approvvigionamento in est-Europa. Gli uomini della compagnia di Nola hanno scoperto diversi depositi e accertato le modalità operative: i contrabbandieri frazionavano i tabacchi in numerosi carichi di piccole dimensioni. 
I risultati: sono stati arrestate 35 persone, ritenute responsabili del contrabbando. Altre 14 sono state denunciate, 10 tonnellate di sigarette sequestrate (valore 2 milioni di euro). 
 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • De Luca rilancia la movida: "Cinema all'aperto e musica nei locali: apriamo tutto"

  • Lutto nel mondo della canzone napoletana: addio a Nunzia Marra

  • Grave lutto nel mondo dell'imprenditoria: addio al noto designer Roberto Faraone Mennella

  • Litigio furibondo all'esterno di un bar, giovane presa a schiaffi dal fidanzato

  • Report su De Luca e sulla sanità in Campania: "Lo sceriffo si è fermato ad Eboli"

  • Crollo a Pianura, operai sepolti sotto le macerie: due morti

Torna su
NapoliToday è in caricamento