Sigarette di contrabbando, l'allarme: da Est Europa e Medio Oriente "bionde" pericolose

Nel corso dell'iniziativa Sos Tabacco Minori, ienente colonnello Furciniti ha tracciato le caratteristiche di un giro d'affari "nocivo" anche per l'erario

Sigarette di contrabbando

Ucraina e Polonia, Medio Oriente: questa l'area di provenienza del nuovo corso delle sigarette di contrabbando. Nocive ancor più che le solite sigarette, sono sul mercato a prezzi stracciati e quindi raggiungibili anche da minori. Un danno per la salute enorme, così come mancati introiti notevoli per l'erario.

In occasione della campagna "Sos Tabacco Minori", promossa dal Moige e dalla Fit a Napoli, è stato tracciato un bilancio dell'attività dellegiamme gialle partenopee a contrasto del fenomeno. "Negli ultimi tempi c'è stata una grossa crescita degli arrivi di sigarette di contrabbando – ha spiegato il tenente colonnello della Guardia di finanza Giuseppe Furciniti, comandante del Gico di Napoli – Nei primi cinque mesi di quest'anno abbiamo sequestrato oltre 30 tonnellate di sigarette di contrabbando provenienti dall'Est Europa e dal Medio Oriente".

Si tratta però di "prodotti qualitativamente di basso livello che determinano dei grossi problemi per la salute". "Normalmente – prosegue Furciniti – non sono in vendita nell'Unione europea perché non rispondono ai requisiti minimi di sicurezza dal punto di vista qualitativo e della salute". Sequestrate soprattutto le "Cheap White".

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Consegnò la pizza al Papa: arrestato per truffa Enzo Cacialli

  • Scoperta la centrale del 'pezzotto', arresti in tutta Europa: c'erano 700mila clienti

  • Whirlpool, i lavoratori in corteo bloccano l'A3

  • Controlli tra le pizzerie in via Tribunali, occupazioni abusive per 700 metri quadri

  • Lutto nel mondo della medicina napoletana, muore improvvisamente Paolo Mercogliano

  • Sacchi: "Nella difesa del Napoli solo Di Lorenzo si muove in modo organico e sinergico"

Torna su
NapoliToday è in caricamento